Gentili Colleghe Gentili Colleghi,

Stiamo assistendo ad una trasformazione del mercato assicurativo e della sua offerta.

Nonostante le tante criticità, gli agenti italiani sono chiamati ad essere attori protagonisti di questa trasformazione, che ormai coinvolgerà sempre più tutto il comparto assicurativo italiano.

Con l’inizio della pandemia l’offerta assicurativa ha visto un’accelerazione immediata verso quei prodotti di protezione personale e familiare orientate a rimborsare diarie da ricovero ospedaliero e da convalescenza, utilizzate anche all’interno del comparto industriale per tutelare e proteggere le proprie risorse umane.

Gli intermediari italiani, con consapevolezza e responsabilità si sono subito impegnati ed attivati, per proporre e stimolare la propria clientela verso un cambio di passo culturale, necessario per affrontare con la massima attenzione gli eventi che stanno accadendo, affrontando le nuove tematiche assicurative e di protezione con grande professionalità.

In effetti, come evidenziato anche da molti esperti del settore e dell’informazione specializzata, si possono cogliere nella complessità della situazione in generale, degli spunti molto positivi per il rilancio dell’offerta assicurativa non solo nel mondo della protezione ma anche in tutto il settore della previdenza e degli investimenti tipici del comparto vita.

Da una parte i bassi tassi di interesse, che resteranno così a lungo, spingono i risparmiatori italiani a diversificare i propri asset di investimento, verso soluzioni assicurative multiramo che investono sia su polizze tradizionali con garanzia del capitale sia su polizze di tipo finanziario con possibilità di sfruttare le eventuali opportunità dei mercati finanziari.

Anche su questi temi gli agenti italiani hanno dimostrano di essere professionisti di assoluto valore, approfittando di una solida esperienza e di formazione specifica, stanno cercando di assistere ed indirizzare i clienti verso una diversificazione del risparmio moderna ed al passo coi tempi.

inoltre, il Decreto rilancio 34/2000 in ambito di efficientamento energetico e riduzione del rischio sismico del patrimonio immobiliare italiano, vede coinvolti in prima linea gli agenti professionisti di assicurazione al fianco delle famiglie e delle aziende italiane, con il prezioso contributo in termini di consulenza su prodotti specifici del settore dell’engineering e del construction, indispensabili per l’ottenimento del contributo agevolativo sull’intervento edilizio.

A mio avviso, come del resto” l’Anapa pensiero insegna”, bisogna essere consapevoli e fiduciosi, anche alla luce degli autorevoli interventi alla recente assemblea dell’Ania che nonostante tutto, il settore assicurativo mai come in questo periodo può essere considerato trainante per il rilancio dell’economia nazionale con al centro circa duecentomila intermediari pronti a dare il loro contributo al fianco delle famiglie e delle imprese italiane.

Buona Lettura
Michele Mainolfi, Componente Giunta Esecutiva Nazionale di ANAPA Rete ImpresAgenzia

Foto in copertina: Michele Mainolfi

                                                               

Articoli correlati
In EvidenzaNews

Cimbri: non entriamo nel patto di Mediobanca ma sosteniamo il management

Il presidente di Unipol: “Non aderiamo al patto di consultazione, ma questo non vuol dire che non…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Draghi ha deciso di cambiare il sistema del Superbonus 110%

Conseguenze soprattutto per le imprese edili: le pmi artigiane sarebbero escluse dal…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Ivass incontra le Associazioni dei Consumatori per spiegare la nuova disciplina sui prodotti Vita

Ivass preoccupata dalla crescente tendenza delle compagnie a offrire polizze unit linked, senza…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.