In EvidenzaNews

Italia: le Rsa non trovano le coperture assicurative, denuncia Confapi

“Sempre di più le compagnie di assicurazione si rifiutano di stipulare polizze con le RSA. Si tratta di una situazione che mette a repentaglio l’operatività di molte strutture, oltre ad obbligare gli operatori a rivolgersi addirittura a compagnie straniere per ricevere le coperture adeguate. E’ una condizione che complica l’operatività delle strutture nuovamente impegnate con l’emergenza Covid-19”. Lo denuncia Michele Colaci, vicepresidente di Confapi Sanità e componente del consiglio direttivo di Api Sanità Torino.

“La legge 24/2017 ribadisce l’obbligo dell’assicurazione per la responsabilità civile professionale medica – aggiunge – per tutte le strutture pubbliche e private e il personale medico. Siamo però arrivati ad una situazione paradossale: lo Stato rende obbligatoria l’assicurazione per le nostre strutture, mentre le compagnie possono rifiutarsi di assumere il rischio, proprio come sta capitando in questi giorni. Questa situazione sta determinando il progressivo abbandono delle compagnie assicurative del mercato del rischio della responsabilità sanitaria. E non solo, perché l’assenza di un obbligo a contrarre a carico delle compagnie rischia di relegare l’obbligo di assicurazione ad una sorta di dichiarazione di principio. Abbiamo più volte sollevato il problema delle polizze assicurative per le Rsa, senza tuttavia ottenere risposte adeguate. E’ una grave negligenza da parte delle istituzioni. A causa di questo vuoto legislativo, a breve, molte strutture non saranno coperte da ogni rischio riguardante le pandemie e saranno costrette a chiudere con una notevole perdita di valore economico e occupazionale per tutto il comparto”.

La denuncia della Confapi conferma quanto già aveva rimarcato nelle scorse settimane Giuseppe Calicchio, direttore generale del Pio Albergo Trivulzio che ha appena rinegoziato la polizza di responsabilità civile sottoscritta a inizio d’anno con Cattolica assicurazioni. A partire dal primo gennaio l’ombrello assicurativo non coprirà più le conseguenze dei danni causati dalla pandemia. D’altra parte, aveva osservato Calicchio nella delibera presa dall’istituto per recepire l’intesa con la compagnie, “allo stato risulta che le coperture assicurative RctO sono stipulate dalle compagnie di assicurazione escludendo comunque la copertura Covid-19 in ragione di difficoltà nel mercato di riassicurazione dei rischi assicurati”.

Articoli correlati
EsteroNews

Europa: gli agenti italiani primeggiano nella distribuzione dei rami danni

Gli agenti assicurativi italiani continuano a primeggiare in Europa nella distribuzione di polizze…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Blockchain sempre più popolare nel settore assicurativo

Negli ultimi 3 anni pubblicati 1456 brevetti che utilizzano questa tecnologia nelle forme di…
Leggi di più
EsteroNews

USA: cresce del 10% il costo della protezione contro le sparatorie di massa

L’aumento dei prezzi delle coperture assicurative conseguenza delle 309 stragi da armi da fuoco…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.