In EvidenzaNewsThe Future of Insurance

I quattro trend per le assicurazioni : il futuro è già qui

Marco Contini

Durante tutto il 2020, a Pandemia iniziata e prima di rendersi definitivamente conto che il mondo era mutato e stravolto in ogni settore industriale e finanziario ci si poneva il problema di cosa , come e in quale modo si sarebbe dovuti intervenire per affrontare il cambiamento. Ad oggi a Pandemia tutt’altro che scomparsa i problemi di ieri sono rimasti immutati pur a fronte di dibattiti, webinar, meeting virtuali in cui si è dibattuto e si dibatte di tutto. Appare chiaramente un dato di fatto : nessuno ha in mano la soluzione finale e per questo la capacità di visione sul mercato per chi saprà interpretare e mettere in pratica le giuste soluzioni sara’ l’arma vincente per sopravvivere. 
Oggi vale più che mai il concetto del Fly to Quality. In principal modo sarà premiata la capacità,  la competenza e la professionalità piu’  di prima e meglio di prima. 


Questo vale a tutti i livelli e in tutti i campi.  In questa fase di mercato la mediocrità troverà meno spazio e verrà spazzata via. Chi investe oggi lo fa sul meglio e certo e non sul mediocre e incerto. Vale per i Business varrà per i Manager che questi business andranno a gestire e valorizzare. Fly to Quality. Ricordiamocelo. 

Vediamo allora di identificare quelli che potrebbero essere, a mio parere,  le  quattro ( 4 )  tendenze principali , i punti chiave per il futuro di questa industria miliardaria che sono le Assicurazioni o per lo meno, suggerire gli stessi a  quelle Compagnie che intendano sfruttare questi punti per crescere in questo nuovo scenario Pandemico e post Pandemico.  
Anticipiamo che la chiave di volta sarà,  per gli Assicuratori  offrire ai propri clienti prodotti e servizi che siano di vero interesse, studiando sempre più proposte tese a coinvolgere e fidelizzare maggiormente il cliente. 
Tradotto: spingere sempre più sulla Customer Centricity. 

In  Italia solo il 15% dei consumatori compra polizze online, ( a differenza di un mercato europeo dove la percentuale è sopra il 60%) e solo il 2% utilizza pienamente  servizi come le micro-insurance e gestisce il verificarsi di un sinistro da applicazione mobile.  

Siamo molto indietro con la cultura digitale ed è certamente un problema culturale che ci apre un divario enorme da colmare . Serve sicuramente  migliorare i servizi assicurativi a livello di proposte, anche con l’aiuto del digitale ma non solo , però dobbiamo per prima cosa capire chi siano veramente  i clienti assicurativi e quali siano veramente tutti i loro effettivi bisogni.  Oggi noi questo non lo sappiamo perché non abbiano mai lavorato, tutti, Agenti, Broker e Compagnie  in tal senso 
Parlavamo dei 4 punti chiave del mercato prossimo venturo. 
Indichiamoli per adesso brevemente per poi approfondirli uno ad uno nei prossimi interventi.

Il primo punto è : Un nuovo modo di approcciare il Business

Maggiore e assoluta attenzione alla Prevenzione attraverso la creazione di nuovi prodotti legati a nuovi modelli di Business. Da qui si capisce il cambio repentino e secolare e di approccio al cliente ma sopratutto il radicale cambio di mentalità verso l’assicurato, lato Agente, Broker e Compagnia. Io mi assicuro per prevenire eventi imprevisti con la consapevolezza poi di non avere mai il sinistro su cui ricapitalizzare , se del caso, il pagamento dei premi pagati. 

Il secondo punto è: I clienti assicurativi sono cambiati 

Il cambio di aspettative dei clienti verso gli assicuratori è dovuto a  maggiore informazione e consapevolezza sul tema prevenzione. L’assicuratore che vorrà stare sul mercato e non soccombere dovrà intepretare e  soddisfare pienamente queste esigenze 
Oggi la fedeltà verso la propria Compagnia assicurativa non è più granitica come prima , anche a causa o per merito delle nuove tecnologie che permettono di scegliere velocemente e  comparare offerte e prodotti. 
Il mercato assicurativo deve innovare radicalmente e cambiare approccio ma sopratutto e sopra ogni cosa deve dare un Servizio. 
Io la chiamo la ” Amazonizzazione” del settore , un neologismo che uso spesso e che è la chiave di volta per capire che deve cambiare l’approccio dall’Insurance verso il  cliente che la Compagnia o l’agente non deve abbandonare dopo la vendita della Polizza ma deve seguire costantemente  e non  ricordarselo solo al verificarsi del sinistro. 

Il terzo punto è: Fusioni e aggregazioni 

Assisteremo ad un epocale cambiamento del mercato assicurativo .
Ci saranno per i prossimi 2 anni fusioni ed acquisizioni tra Compagnie , tra Broker e tra Agenti . La competizione in atto non permetterà più di crescere solo per linee interne non ve ne sarà il tempo. Assisteremo a operazioni di Merger & Acquisition con entrata di Fondi per apportare capitale e unione di competenze per creare alleanze con startup innovative e con società Insurtech e sopratutto assisteremo al definirsi di business verticali e tecnici nei settori MedMal, Welfare, Bond e Tutela legale con alleanze e/o nascita di nuovi soggetti finalizzati allo sviluppo di questi Rami o settori. Avremo lo stesso attivismo nel settore del brokeraggio e delle reti agenziali. I breakeven per autosostenersi si avranno da operazioni societarie buy e sell. Nulla sarà più come prima. Quanto sopra ovviamente troverà spazio nel miglioramento tecnologico della  capacità di sottoscrizione e di gestione dei  processi di liquidazione dei sinistri e nella specifica implementazione della Blockchain in tutti i processi assicurati. 

Il 4 punto è: La Digital disruption

I cambiamenti tecnologici che sono e saranno in corso a breve costituiranno l’anima dei 3 punti sopra indicati.
Però come sempre tra la teoria e la pratica può esserci divario. Il mondo assicurativo è ancora indietro su certi sviluppi.
Le compagnie di assicurazione devono essere in grado di utilizzare la tecnologia e metterla in pratica altrimenti il rischio sarà la soccombenza. 
La  realtà e’ che il settore si trova in ritardo rispetto ad altri e il rischio che i giganti della tecnologia che stanno già entrando in altri spazi fortemente regolamentati, come le banche, e hanno una capacità di analisi dei clienti senza eguali possano creare modelli assicurativi facili da comprendere, molto agili e flessibili e incentrati sul cliente come servizio. 
Non a  caso ho citato il neologismo «amazonizzazione»,
Nei prossimi interventi analizzeremo più specificatamente i 4 punti adesso indicati per capire meglio come e cosa dovrà o potrà fare il mercato per non venire travolto da un cambiamento ormai ineluttabile per tutti. 

Stay Tuned ….

di Marco Contini 

Articoli correlati
News

Inflazione e le condizioni del mercato del lavoro faranno aumentare le retribuzioni in Italia del 3,4% nel 2023

Il 77% delle aziende ha dichiarato di avere problemi a ricoprire i ruoli IT e il 73% a mantenere il…
Leggi di più
In EvidenzaNews

E-bike modificata? Serve una targa e l’assicurazione come per le moto

Sanzioni pesanti che vanno dai 1.890 euro a 7.500 euro per i trasgressori Novità in arrivo per…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Generali risponde a Consob: corretta la cooptazione di Marsaglia in cda

Generali ha risposto alla richiesta di chiarimenti di Consob sulla cooptazione in consiglio di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.