EsclusiveIn EvidenzaNews

EY: C’è una nuova consapevolezza assicurativa

“La pandemia ha creato una nuova consapevolezza in termini di “protezione assicurativa”- sottolinea Marco Concordati, associate partner Insurance di EY con il quale abbiamo analizzato il più recente studio analizzato dalla società di consulenza e intitolato EY Italy Insurance Consumer and Small Business Owner Survey

D. Quali sono le principali evidenze dello studio che avete presentato?

R. Lo studio evidenzia un impatto rilevante della pandemia sia sui clienti retail che sulle PMI: complessivamente, dall’inizio della pandemia (marzo 2020), il 38% degli intervistati ha subito una perdita di reddito almeno parziale e il 44% dichiara di aver avuto necessità di attingere ai propri risparmi per far fronte alle spese quotidiane. Tra i più colpiti, la perdita del proprio reddito e benessere finanziario è la principale preoccupazione per il 60% degli intervistati. Non stupisce quindi che il 61% si dichiari interessato o molto interessato a un prodotto assicurativo che indennizzi 3 mesi di reddito in caso di perdita del lavoro, mentre il 59% a un prodotto che paghi le spese di ricovero causato dal Covid-19.

Anche perdere una persona cara prima del previsto è preoccupazione rilevante per gli intervistati (81%), seguita dal benessere finanziario (58%) e dalla disabilità (45%) e le persone dichiarano di essere interessate a un prodotto che paghi le spese di ricovero (41%) e a una clausola aggiuntiva all’assicurazione sulla vita che consenta l’accesso ai fondi in caso di emergenza (34%).

D. Nello studio emerge che le necessità dei clienti stanno cambiando. Come venire incontro a queste sia lato agenti, sia lato compagnia?

Dall’indagine emergono alcuni bisogni insoddisfatti legati alla pandemia che richiedono al settore assicurativo di innovare rapidamente i prodotti offerti: il 51% del segmento demografico più colpito, ad esempio, si dice interessato ad un’assicurazione che protegga dalla responsabilità di trasmettere il virus, mentre il 47% a polizze auto basate sull’utilizzo, con una quota base e un premio legato al numero di chilometri percorsi. Dalla survey EY emerge che quasi due terzi dei clienti delle assicurazioni non comprendono appieno la copertura e le caratteristiche delle proprie polizze, fenomeno che richiede alle compagnie un notevole sforzo di semplificazione e comunicazione relativa alla propria offerta. Inoltre, solo il 40% degli intervistati italiani dichiara di essere stato contattato dalla propria compagnia durante la pandemia. Al contrario, oltre il 60% afferma di aver dovuto contattare personalmente il fornitore e solo il 33% si è detto soddisfatto della risposta ricevuta. Questi dati evidenziano un’opportunità per il settore assicurativo per sviluppare relazioni più strette con i clienti attraverso una comunicazione proattiva, chiara e trasparente, in sinergia con la propria rete distributiva “fisica”.

La ricerca mostra anche la necessità per le compagnie di riesaminare la distribuzione digitale. Dall’inizio della pandemia, infatti, i clienti preferiscono interagire con gli agenti attraverso i canali online rispetto a quelli tradizionali.

D. Ci sono delle categorie che hanno sicuramente sofferto di più nella pandemia, pensiamo alle PMI, che rappresentano il tessuto industriale del nostro Paese. Quali sono i bisogni di questa categoria e come rispondervi?

La pandemia ha avuto un impatto molto forte sulla resilienza finanziaria delle piccole imprese italiane, tanto che il 50% dei piccoli imprenditori intervistati rientra nel segmento dei più colpiti, contro il 33% a livello globale. Dal marzo 2020, il 62% dei piccoli imprenditori italiani sta registrando un calo delle entrate annue tra il 31 al 59%. La preoccupazione principale per tutte le piccole imprese italiane, indipendentemente dall’entità dell’impatto subito durante la pandemia, è la perdita di reddito (64% tra le più colpite). Le imprese maggiormente colpite si concentrano sulla sopravvivenza del business (57%) e la possibilità di pagare i costi fissi (46%). A seguito delle loro recenti esperienze, la maggior parte dei proprietari di piccole imprese afferma di voler risparmiare per avere un cuscinetto finanziario in caso di emergenza. Il 20% degli imprenditori dichiara di avere interesse ad acquistare un’assicurazione contro i rischi futuri, mentre il 64% dei più colpiti finanziariamente è interessato a polizze assicurative che coprano i costi fissi per tre mesi.

Forte l’interesse degli intervistati anche per prodotti legati ai rischi della pandemia. Oltre il 50% dei piccoli imprenditori è interessato a polizze che li proteggano dal rischio di essere citato in giudizio per diffusione del virus; un’assicurazione che aiuti i piccoli imprenditori ad adattarsi al nuovo contesto (ad esempio, portare online i processi operativi) è interessante per il 36% dei più colpiti e per il 49% dei meno colpiti, mentre oltre il 40% di entrambi i segmenti vorrebbe proteggersi dalle crescenti minacce del rischio informatico, compreso il phishing.

D. Guardando al futuro, resta la grande sfida della sotto-assicurazione del mercato italiano. Come colmare questo gap ancora molto forte? La pandemia ha creato una nuova consapevolezza?

Si può sicuramente dire che la pandemia ha creato una nuova consapevolezza in termini di “protezione assicurativa”, sia con riferimento ad una esigenza di maggior protezione per i clienti retail e PMI, sia con riferimento ad una evoluzione dei prodotti ricercati e dei canali di acquisto preferiti (es. il 38% dei clienti è disposto ad acquistare un’assicurazione sanitaria online). Tali nuovi bisogni dovranno essere attentamente raccolti e gestiti dalle Compagnie assicurative, in accordo con gli attuali canali distributivi, per poter rispondere alle esigenze dei clienti e ridurre notevolmente il gap assicurativo che l’Italia registra nei confronti di altri paesi europei similari.

a cura della Redazione

Foto in copertina: Marco Concordati

Articoli correlati
EsteroNews

Corea del sud: le assicurazioni del gruppo Samsung acquistano asset alternativi per $650 milioni

L’investimento realizzato con Blackstone Dalla Corea giunge una nuova conferma…
Leggi di più
EsteroNews

Assicurazioni aeree: il contenzioso sugli aerei bloccati in Russia potrebbe durare anni

la questione riguarda 515 aeromobili per un valore di circa $10 miliardi Una recente legge russa…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Poste Vita lancia opa su Net Insurance a 9,50 euro per azione

L’operazione è finalizzata all’acquisto del controllo di Net Insurance da parte del gruppo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.