EsteroIn EvidenzaNews

Assicurazioni e standard contabili: IFRS17 costerà fino a $20 miliardi all’industria mondiale delle polizze

La stima in uno studio di Willis Towers Watson che ha interpellato 312 compagnie. Per le maggiori multinazionali in arrivo fino a $200 milioni di nuovi oneri

Ancora scarsa la comprensione dell’utilità del nuovo sistema di rendicontazione

L’implementazione del nuovo standard contabile internazionale IFRS 17 sui contratti assicurativi potrebbe costare all’industria globale delle polizze tra 15 e 20 miliardi di dollari. La stima viene da un report di Willis Towers Watson (WTW), che ha intervistato 312 assicuratori in 50 mercati globali. Secondo il gruppo di brokeraggio i costi per assicuratore varieranno significativamente in base alle dimensioni dell’azienda. Per le 24 maggiori multinazionali, lo studio stima costi da 175 milioni di dollari a 200 milioni di dollari ciascuno. Per i restanti 288 assicuratori il costo medio dovrebbe collocarsi intorno ai 20 milioni di dollari.

I dati hanno mostrato che saranno necessari oltre 10.000 dipendenti equivalenti a tempo pieno per implementare l’IFRS 17. Secondo WTW, ciò presenterà grandi sfide per le strategie di reclutamento degli assicuratori.

Non è soltanto una questione di costi. Molti assicuratori (48%) continuano a non comprendere l’utilità del nuovo sistema di rendicontazione ed una percentuale ancora maggiore (54%) ritiene che la necessità di altri report non allineati con il nuovo principio contabile aumenterà leggermente o in modo significativo. Infine la comprensione delle implicazioni commerciali dell’IFRS 17 è rimasta bassa. Era al 6% nella survey del 2020 è giunta ad appena 17% in quella del 2021. IFRS 17, varato dallo Iasb (International Accounting Standard Board) nel 2017, è ora in attesa di essere omologato nella legislazione europea. l’Efrag, organo di consultazione dell’Unione sui temi contabili, ne ha raccomandato l’endorsement con l’eccezione delle regole riguardanti il raggruppamento dei contratti assicurativi in coorti annuale su cui lo stesso Efrag si è diviso a metà. Ed ora sarà la commissione europea a dire l’ultima parola.

Articoli correlati
EsteroNews

Australia: le tempeste estive 2023-2024 hanno generato perdite assicurate per oltre 1,6 miliardi di dollari australiani

L’estate 2023-24 ha visto una serie di eventi meteorologici estremi lungo la costa orientale…
Leggi di più
EsteroNews

Marsh: le estorsioni informatiche hanno raggiunto livelli record in Usa e Canada nel 2023

La percentuale di clienti che nel 2023  ha segnalato almeno un evento informatico è variata tra il…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: la spesa sanitaria è arrivata a $4800 miliardi nel 2024

Rispetto al Pil la quota degli oneri per la salute è giunta al 17,3% nel 2022 e dovrebbe giungere…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.