EsteroIn EvidenzaNews

USA: implicazioni assicurative del successo delle Spac

Dall’inizio dell’anno lanciate 343 operazioni con una raccolta di capitali di oltre $107 miliardi

Il successo delle Spac (Special Purpose Acquisition Companies) negli Stati Uniti porta con sé significativi riflessi assicurativi collegati alle polizze D&O che proteggono gli amministratori delle società. Lo segnala il New York Law Journal facendo presente che al 16 giugno 2021, ci sono già state 343 IPO per Spac lanciate nel corso dell’anno con una raccolta di capitali di oltre $ 107 miliardi. In confronto, in tutto il 2020 (altro anno record) c’erano state 248 IPO Spac con $ 83 miliardi raccolti. Le Spac sono entità quotate che all’inizio rappresentano unicamente scatole vuote con un capitale che successivamente viene impiegato per acquisire e fondere una società la quale diviene a quel punto essa stessa quotata. In pratica si tratta di un modello alternativo di quotazione delle società, per molti aspetti più semplice e flessibile di quello tradizionale. Lo straordinario incremento delle Spac ha suscitato una grande attenzione da parte della Sec (la Consob statunitense) anche per il significativo contenzioso legale che simili operazioni possono innescare. Secondo Securities Class Action Clearinghouse, al 16 giugno 2021, circa il 14% delle azioni legali collettive degli azionisti presentate nel 2021 riguardava, appunto, una Spac.

Sebbene vi siano numerose aree di potenziale responsabilità che coinvolgono l’intero processo, le rivendicazioni più frequentemente avanzate nelle cause legali recentemente presentate si basano sulla cattiva performance della nuova società pubblica o su divulgazioni negative riguardanti la società (a volte a seguito di un rapporto di vendita allo scoperto) e il relativo impatto negativo sul prezzo delle azioni. Inoltre, sono state intentate diverse cause legali relative a reclami basati su presunte informazioni misleading distribuita a sostegno della transazione della Spac.

A seconda delle accuse, il contenzioso relativo potrebbe potenzialmente implicare tre programmi assicurativi inclusi in una polizza D&O. Una polizza intestata alla Spac è considerata appropriata nella delicata fase in cui i capitali di una special purpose vengono impiegati per acquisire la società target. Anche la copertura assicurativa di quest’ultima può entrare in gioco qualora vengano messi in discussione i valori e le modalità dell’acquisizione e della successiva fusione. Infine, alla chiusura della fusione, sarà necessario mettere in atto un programma assicurativo D&O per le esposizioni future della società pubblica di nuova costituzione.

Laddove le cause intentate a seguito della transazione abbiano ad oggetto presunti illeciti sia durante il processo di IPO che dopo la fusione, le disposizioni specifiche delle politiche determineranno se e dove è disponibile la copertura. E , sulla base della giurisdizione esistente, l’articolo indica nel dettaglio le diverse fattispecie che possono verificarsi.

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: $750 milioni intermediati nel 2021 dal life settlement

Se gli originali intestatari delle polizze si fossero limitati a riscattare i contratti avrebbero…
Leggi di più
EsteroNews

Cina: Manulife Financial sta per assumere il pieno controllo della JV sui fondi costituita con Tianjin TEDA

L’assicuratore canadese punta a realizzare in Asia il 50% dei suoi utili complessivi La…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: partnership Ford-Wejo su scatole nere

Wejo Group, leader mondiale nelle soluzioni software e cloud di Smart Mobility ha annunciato una…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.