In EvidenzaNewsThe Future of Insurance

Il modello di Amazon e Netflix nel futuro dell’Insurance

Marco Contini

Il futuro di banche e assicurazioni ormai è chiaro che passerà sempre piu per la tecnologia. Entro pochi anni l’industria dei servizi finanziari è destinata a cambiare radicalmente aspetto per avvicinarsi progressivamente ad un modello più simile a quello delle società che offrono servizi online come Amazon o Netflix.

Non ci sarà quindi più bisogno di recarsi in una filiale o da un agente assicurativo per effettuare singoli pagamenti o autorizzare determinate operazioni, ma quasi tutto verrà effettuato online, dando dei consensi preventivi per autorizzare le singole operazioni.

Rimarrà però strategico,  almeno nel mercato italiano il ruolo delle reti agenziali e di brokeraggio che , pur aumentando la tecnologia  nei loro processi organizzativi svolgeranno sempre più un ruolo di consulenza fondamentale nella proposizione dei nuovi prodotti assicurativi e relativi servizi.

Per il settore della finanza si tratta di innovazioni radicali che trasformeranno completamente le società del comparto per come le abbiamo conosciute finora.

Ma la vera rivoluzione ci sarà quando le tecnologie emergenti, come l’Intelligenza artificiale, l’Internet of Things, il cloud o il calcolo quantistico verranno combinate fra loro per dare vita ad un effetto moltiplicativo e attivare servizi in modo automatico tra loro.

Ad esempio, nel caso di un incidente stradale, grazie alle nuove tecnologie la compagnia di assicurazione verrà automaticamente informata dell’incidente. Sulla base dei sensori inseriti nell’auto, la compagnia disporrà anche di informazioni immediate sulla velocità dell’auto al momento dell’impatto, l’attivazione dell’airbag, i livelli dei fluidi ed altri dettagli. Dall’analisi dei dati raccolti attraverso i sensori IoT, la compagnia sarà  in grado di misurare l’entità del danno e determinare la gravità di un incidente grave e la necessità di una rapida assistenza.

L’assicurazione potrà così organizzare l’invio di un carro attrezzi e un trasporto specifico per l’autista e informarne il conducente in tempo reale. Inoltre, la compagnia potrà prenotare un’auto sostitutiva a noleggio e un appuntamento in officina per il giorno successivo, alleggerendo il peso dell’incidente.

Abbiamo detto servizi. Sono questi che determineranno la vera differenza tra le varie compagnie.

Ritengo che il futuro dei prossimi 5, 10 anni porterà sempre più a trasformare le attuali società assicurative da fabbriche di prodotti a fabbriche di servizi che costituiranno il business prossimo venturo.

Poniamoci una domanda.  Perché una società come Amazon che ha chiuso il primo trimestre 2021 con 110 miliardi di dollari di ricavi e 9 miliardi di profitti netti non abbia, ne’ lo farà mai, pensato di entrare nel mondo assicurativo comprandosi , cash, una compagnia assicurativa,  indipendentemente dalle dimensioni o dal valore di borsa o di valutazione di mercato?

Ad Amazon, cosi come a Facebook o Google non interessa la società assicurativa in quanto tale, specialmente in un settore come quello dell’Insurance dove  le normative locali sono una diversa dall’altra.

Ai colossi del web interessano i servizi assicurativi da offrire ai propri clienti,  in maniera digitale, veloce, semplice e con una elevatissima assistenza post vendita tale da seguire il cliente sempre e dovunque.

Amazon ha dimostrato ad oggi di poter esprimere queste qualità . Da qui la chiave di entrata nel mondo assicurativo .

Se sono i servizi assicurativi,  ad altissima tecnologia,forniti tramite la vendita delle polizze il vero business appare chiaro come la trasformazione in atto delle assicurazioni sarà la chiave di svolta per la integrale trasformazione del settore .

Chi riuscirà a diventare allettante nella proposizione di ciò e sopratutto nella dimostrazione della massima customer satisfaction verso il cliente al momento del sinistro potrà diventare un partner interessante per questi colossi internet che dalla loro hanno una platea enorme di consumatori affezionati al marchio pronti ad acquistare sulla piattaforma , integrata in un tutt’uno con le reti commerciali che forniranno la dovuta e necessaria consulenza, i servizi assicurativi secondo una nuova logica commerciale .

Ad oggi tutto questo sembra impossibile , ma chi ha il coraggio di vedere oltre ed ha una vision temporale proiettata ai prossimi 5 anni forse potrà intravedere qualcosa.

Senza dubbio il modo di fare Assicurazioni  cambierà sempre più velocemente verso il “petrolio” prossimo venturo, e cioè i Servizi atti a soddisfare , all’originarsi della necessità,  i bisogni dell’utente , servizi a cui l’utente non dovrà adeguarsi  ma saranno questi servizi a doversi adeguare alle esigenze del cliente in maniera sempre più automatica e immediata ( Iot e Blockchain docet !)

Stay Tuned!

a cura di Marco Contini

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: il mercato della Cyber Insurance si sta aggiustando ma rimane “duro”

I forti aumenti tariffari stanno favorendo l’ingresso di nuovi operatori Nel quarto trimestre…
Leggi di più
EsteroNews

Usa: in Florida gli assicuratori preoccupati più dagli avvocati che dagli uragani

Dei $51 miliardi di risarcimenti pagati dalle compagnie nell’ultimo decennio il 71% è servito a…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Svizzera: inflazione peserà sui premi

La previsione è del Ceo di Helvetia Philipp Gmür L’inflazione, che ha subito…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.