EsteroNews

GB : in arrivo aumento dei contributi sociali dell’1% per migliorare il welfare state

Il balzello generebbe nuove entrate per £ 10 miliardi da utilizzare per ridurre le liste di attesa del SSN e migliorare l’assistenza agli anziani

Il governo di Boris Johnson sta pensando di aumentare i contributi sociali a carico di datori di lavoro e lavoratori per finanziare la riforma a lungo termine dell’assistenza sociale e ridurre le liste d’attesa del servizio sanitario nazionale (SSN). Lo anticipa The Times secondo cui l’incremento contributivo dovrebbe essere di un punto percentuale a carico dei datori di lavoro e di una percentuale analoga a carico dei lavoratori. Gli aumenti dovrebbero generare nuove entrate per £ 10 miliardi l’anno da utilizzare nell’immediato per far fronte all’arretrato del SSN generato a seguito della pandemia. Sajid Javid, il segretario alla salute, ha espresso la preoccupazione che la lista d’attesa possa salire da 5,3 milioni a 13 milioni di cittadini.

Successivamente il fondo verrà utilizzato per coprire i costi di assistenza. Si ritiene che Johnson intenda favorire i piani di Sir Andrew Dilnot, un ex consigliere sanitario del governo, per limitare i costi a £ 50.000 a persona in modo che le famiglie non finiscano per vendere le loro case per pagare i costi dell’assistenza durante la vecchiaia.

Il Premier dovrà però tener conto delle voci contrarie. Paul Johnson, capo dell’Institute for Fiscal Studies, ha dichiarato: “Finanziare l’assistenza sociale solo con i contributi sociali sarebbe molto iniquo. Sarebbe una continuazione di una politica a lungo termine per colpire quelli in età lavorativa proteggendo i pensionati per qualcosa che è progettato a loro favore. È una questione di equità”.

Sulla stessa lunghezza d’onda è anche Torsten Bell, amministratore delegato del think tank della Resolution Foundation: ”sono necessari aumenti delle tasse per fornire un’assistenza mentre un aumento della contribuzione è un modo terribile per raccogliere i fondi necessari. È un’imposta sproporzionatamente caricata sui lavoratori più giovani e meno retribuiti”

Articoli correlati
EsteroNews

Australia: assicurazioni sanitarie restituiscono ai clienti circa AUS $ 2,1 miliardi

Distribuita gran parte del surplus generato per la diminuzione dei sinistri da covid-19 Gli…
Leggi di più
EsteroNews

Gb: sistema sanitario nazionale a corto di personale e sotto pressione

Oltre 13mila pazienti anziani rimangono in ospedale anche se non ne hanno bisogno perché non ci…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Catastrofi naturali: nel 2022 danni per $260 miliardi

Pubblicati i dati preliminari di Sigma-Swiss Re Le perdite subite dagli assicuratori sono…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.