EsteroIn EvidenzaNews

Rischi climatici: esposizioni riassicuratori sottostimati del 33-50%

Report di S&P segnala le conclusioni di una survey condotta tra i principali riassicuratori mondiali

Le stime dei riassicuratori sulla loro esposizione al rischio di catastrofi naturali potrebbero essere sottostimate del 33-50 per cento. E’ la preoccupata valutazione contenuta in un report di Standad&Poor’s (“Global Reinsurers Grapple With Climate Change Risks”) pubblicato oggi su RatingsDirect.

“I rischi non modellati e le difficoltà intrinseche nell’attribuire al cambiamento climatico gli eventi estremi creano il rischio che il climate change possa non essere pienamente riflesso nella modellazione delle catastrofi dei riassicuratori, in particolare nel breve termine – ha dichiarato Dennis P. Sugrue, analista del credito di S&P Global Ratingscrediamo che le compagnie che adottano un approccio più proattivo per comprendere e adattare la loro esposizione al rischio climatico saranno meglio protette dalla volatilità degli utili legata alle perdite legate al clima”.

S&P Global Ratings – ha precisato un comunicato dell’agenzia di rating – ha condotto uno stress test tra i grandi riassicuratori, volto ad illuminare la potenziale esposizione al rischio climatico del settore ed i risultati fanno appunto pensare ad una significativa sottostima dei rischi. Il 71% dei riassicuratori che hanno risposto all’indagine considera il cambiamento climatico nelle loro ipotesi di prezzo, ma solo il 35% include una componente specifica del prezzo assegnata al cambiamento climatico. Questa varia tra lo 0% e il 10% della tariffa applicata in media e non sembra essere un fattore significativo nella determinazione dei prezzi di mercato.

I riassicuratori possono ritenere che gli effetti del cambiamento climatico non si faranno sentire per un po’ di tempo e che, al momento, la capacità di rivalutare annualmente la maggior parte delle polizze gli consente una certa flessibilità. Tuttavia, c’è un chiaro consenso scientifico sul fatto che il cambiamento climatico sta già influenzando la frequenza e l’intensità delle perdite assicurate, se non attentamente mitigato. S&P considera l’esposizione ai rischi fisici del cambiamento climatico come un “fattore chiave” nelle valutazioni di rating per 19 dei 21 principali riassicuratori mondiali.

Articoli correlati
News

DUAL Italia: superati i €100 milioni di premi raccolti

Crescita in doppia cifra per raccolta premi e ricavi DUAL Italia, MGA assicurativa e…
Leggi di più
EsteroNews

Usa: i democratici della commissione Finanze del senato all’attacco delle polizze PPLI

Rappresentano solo uno strumento per eludere il fisco, ha sottolineato un report in questo tipo di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Nasce AXIO Insurance Broker

La nuova società di brokeraggio romana unisce l’esperienza della famiglia Romano e lo spin off…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.