In EvidenzaNews

Con il Covid le Pmi italiane sono diventate più digitali di quelle francesi e tedesche

Il 54% delle aziende ha raggiunto un livello più alto di digitalizzazione durante la pandemia

Il Covid-19 ha spinto le aziende italiane a essere più digitali e innovative.

Secondo una ricerca dell’Osservatorio Piccole Imprese di GoDaddy 2021, le Pmi italiane sono infatti “più digitalizzate di quelle francesi e tedesche” tanto che il 54% delle aziende interpellate ritiene di aver raggiunto un livello più alto di digitalizzazione durante il periodo Covid-19; stesso livello raggiunto dalla Spagna (53%), staccando nettamente Francia e Germania, rispettivamente al 41% e al 40%.

Al contrario, il 57% delle aziende tedesche e il 46% di quelle francesi ritiene che la pandemia non abbia portato a cambiamenti significativi in termini di digitalizzazione per le loro aziende.

Il nuovo GoDaddy Digital Index mostra in maniera chiara come le imprese italiane abbiano in parte recuperato un gap digitale che permane da tempo, in parte fornendo ai propri dipendenti strumenti digitali: il 64% del campione ha dichiarato di possedere uno smartphone e un pc aziendale, il 63% ha un laptop o un notebook, e una su tre (33%) ha un tablet.

La ricerca evidenzia inoltre come nell’ultimo anno sia aumentata la predisposizione delle piccole imprese a utilizzare sempre di più gli strumenti digitali per promuovere il proprio business. L’83% delle Pmi italiane intervistate afferma infatti che la digitalizzazione migliora il proprio livello di competitività e ha permesso loro di vendere con più successo sia online che offline (per il 78% del campione) e di lavorare in modo più flessibile (77%).

Dalla ricerca emerge inoltre che le piccole imprese italiane attribuiscono una grande importanza alla propria sicurezza informatica (come afferma l’80% del campione intervistato), alla realizzazione di un sito web (76%) e alla propria presenza sui social media al fine di sostenere al meglio i propri clienti. In Francia e Germania, meno del 60% delle aziende ha dichiarato di ritenere l’uso dei social media importante per il business, e solo il 40% utilizza canali di vendita online per i propri prodotti, contro il 58% delle aziende italiane. Le piccole imprese nostrane spiccano per un maggior utilizzo di strumenti come la fatturazione elettronica (68%) e i pagamenti digitali (50%). Questi ultimi sono usati solo dal 29% delle PMI francesi, dal 37% delle tedesche, dal 45% da quello spagnole.

L’Osservatorio ha inoltre classificato le piccole imprese in quattro diverse categorie in base alla loro attitudine alla digitalizzazione e al loro effettivo utilizzo di strumenti innovativi: Digital Innovators (che si caratterizzano da un forte approccio innovativo e al consueto utilizzo di strumenti digitali); Digital Settled (aziende ben equipaggiate con dispositivi tecnologici, ma con una visione scettica sull’evoluzione della digitalizzazione), Digital Starters (che sono convinte dei vantaggi della digitalizzazione, ma non dispongono ancora di strumenti innovativi) e Digital Sceptics (aziende che non hanno ancora investito in attrezzature tecniche e mostrano un basso impegno nelle questioni digitali).

Come mostrano i risultati del nostro Osservatorio, l’Italia ha ottenuto un punteggio di 44 su 100 nel GoDaddy Digital Index e, sebbene questo evidenzi un buon livello di digitalizzazione, c’è ancora molto margine di miglioramento per le piccole imprese nell’incrementare l’utilizzo di questi strumenti per riprendersi dalla crisi”, spiega Gianluca Stamerra, senior director, southern Europe. “Sebbene la pandemia abbia colpito duramente molto imprese, allo stesso tempo ha accelerato l’adozione di strumenti e servizi digitali, spingendo le aziende ad utilizzare nuovi strumenti e piattaforme, indispensabili per crescere e realizzare nuove opportunità di business ed in GoDaddy supportiamo gli imprenditori nel loro processo di digitalizzazione”.

Articoli correlati
EsteroNews

Bermuda: Credit Suisse in appello dopo la condanna a risarcire per $600 milioni l’ex premier georgiano

Il Credit Suisse – scrive il Daily Herald – ha presentato appello contro la decisione…
Leggi di più
EsteroNews

Hong Kong si candida come centro assicurativo di collegamento tra la Cina e le grandi capitali finanziarie mondiali

La città, dove hanno già sede 12 dei primi 20 gruppi assicurativi mondiali, intende battere la…
Leggi di più
EsteroNews

Cina: I regulator chiedono agli assicuratori di comprare il debito pubblico ceduti dagli investitori al dettaglio

Le autorità di regolamentazione cinesi stanno chiedendo ai maggiori assicuratori del Paese di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.