EsteroIn EvidenzaNews

Clima: le assicurazioni si allontanano dal carbone

Sotto pressione soprattutto le compagnie Usa che, a differenza di quelle europee, sono ancora molto legate ai combustibili fossili dove sono esposte per circa $582 miliardi di investimenti

Le più rigide policy di sottoscrizione degli assicuratori hanno comportato già l’aumento del 40% nei prezzi delle polizze

“La campagna per fermare la proliferazione delle centrali a carbone potrebbe ridursi a un po’ di ingegneria finanziaria: staccare la spina alla copertura assicurativa”. Inizia così un lungo articolo che il Washington Post ha dedicato agli impegni che i grandi big mondiali delle polizze hanno annunciato per ridurre progressivamente la copertura dei rischi delle imprese brown. Più di 30 compagnie assicurative – riferisce il giornale – hanno annunciato restrizioni alla sottoscrizione di progetti di carbone, rendendo difficile per i principali operatori del carbone allineare finanziamenti bancari e investimenti per miniere, trasporti e centrali elettriche. Senza assicurazione, quegli investimenti potrebbero sembrare troppo rischiosi.

Thomas Buberl

Thomas Buberl, amministratore delegato di Axa, il gigante delle assicurazioni francesi, fa parte di una coalizione di otto grandi assicuratori chiamata Net-Zero Insurance Alliance e che comprende anche Generali. L’obiettivo, ha detto in un’intervista, è che “tutti gli assicuratori applichino una metodologia per sottoscrivere solo società impegnate nella transizione climatica e non rivolte ai secoli bui del carbone ardente”.

Se questo suona come attivismo aziendale, è perché molti manager stanno cercando di usare la loro influenza finanziaria per ottenere ciò che altri hanno avuto difficoltà a ottenere attraverso la regolamentazione o la negoziazione in eventi come il vertice sul clima della prossima settimana, COP26, a Glasgow, in Scozia. E molti attivisti green che hanno avuto problemi a mobilitare i governi stanno cercando rinforzi nel settore privato.

“Gli assicuratori statunitensi – ha affermato sul suo sito web il gruppo di attivisti Insure Our Future –  hanno $ 582 miliardi investiti in combustibili fossili, con quasi $ 90 miliardi investiti in carbone”.

Mentre la maggior parte degli assicuratori europei ha limitato la copertura fornita ai progetti relativi al carbone, molti dei più grandi nomi del settore assicurativo statunitense, tra cui AIG, Berkshire Hathaway e Travellers, non l’hanno fatto. Buberl ha affermato che anche un altro importante assicuratore, la giapponese Tokio Marine, continua a fare affari con compagnie di combustibili fossili.

“Il cambiamento climatico è una questione complessa e il mondo attualmente non può soddisfare il proprio fabbisogno energetico attraverso tecnologie puramente verdi”, ha affermato AIG in un rapporto del giugno 2021. “Riteniamo che non sarebbe nel migliore interesse dei nostri stakeholder e del pubblico in generale, che si aspetta un accesso affidabile all’energia, ridurre o interrompere bruscamente l’accesso all’assicurazione per i clienti che sono utilizzatori pesanti o produttori di combustibili fossili”.

Jamie Kalliongis, portavoce del Sunrise Project, un gruppo attivista per il cambiamento climatico che esercita pressioni sulle aziende private, ha risposto che Peter Zaffino, che è diventato amministratore delegato di AIG il 1 marzo, “non ha fatto assolutamente nulla per correggere il clima da quando è diventato CEO, rendendo AIG uno degli ultimi grandi assicuratori danni al mondo con zero restrizioni sulla sottoscrizione o sugli investimenti del carbone”.

Solo poche compagnie assicurative sono abbastanza grandi da fornire copertura per progetti costosi di carbone, petrolio o gas naturale.

“Senza assicurazione non c’è finanziamento”, ha detto Buberl. “Se si riunisce la maggior parte del mercato per allinearsi ai principi di un’assicurazione rispettosa del clima, si avrà un effetto ancora maggiore sul finanziamento”. Gli effetti di questa maggiore attenzione delle compagnie al climate change si cominciano a vedere. “Sempre più banche, compagnie assicurative e grandi investitori, sia straniere che nazionali, stanno riducendo o terminando i loro rapporti finanziari con società legate ai combustibili fossili –  ha affermato nel suo rapporto annuale Peabody Energy, la maggiore azienda carbonifera privata al mondo – ciò ha avuto impatti negativi sulla liquidità e sulle operazioni dei produttori di carbone”. Insure Our Future stima che le compagnie di carbone debbano ora affrontare aumenti dei tassi assicurativi fino al 40 per cento.

Le istituzioni finanziarie e assicurative devono riconoscere il ruolo essenziale che il carbone continua a svolgere nel fornire elettricità affidabile e conveniente in tutto il mondo, nonché nel fornire il carbone necessario per l’industria siderurgica”, ha dichiarato Ashley Burke, portavoce della National Mining Association (associazione dell’industria mineraria Usa). Citando i prezzi elevati raggiunti dal carburante in Europa, ha osservato che “diffamare i carburanti necessari per mantenere le luci accese è controproducente”.

Anche gli assicuratori che non hanno aderito alla Net-Zero Insurance Alliance sono sotto pressione. Alcuni parlamentari democratici hanno scritto in questi giorni all’amministratore delegato di Chubb, Evan Greenberg, sollecitandolo a ridurre la copertura delle compagnie carbonifere. Gli attivisti green hanno fatto ancora di più portando il busto gonfiabile di Greenberg, alto quasi 5 metri, circondato dalle fiamme, al torneo di tennis US Open, che Chubb co-sponsorizza. Gli attivisti tenevano un cartello che diceva “Smetti di assicurare la crisi climatica”.

A settembre, Chubb, che ha resistito a lungo alle pressioni per ridurre le sue assicurazioni e gli investimenti nei combustibili fossili, è diventato il 16° assicuratore a rinunciare alla sua polizza per la Trans Mountain Pipeline, che trasporta prodotti grezzi e raffinati dalle sabbie bituminose in Alberta.

Non è chiaro fino a che punto Chubb sia interessato a spingersi, ma già evita di acquistare nuovi bond o azioni in società che generano oltre il 30 percento delle loro entrate dall’estrazione del carbone o dalla produzione di energia dal carbone. Chubb inoltre non sottoscrive più la costruzione e il funzionamento di nuovi impianti a carbone per le aziende che generano oltre il 30 percento delle loro entrate dalla produzione di carbone. La copertura assicurativa per gli impianti a carbone esistenti che superano questa soglia verrà gradualmente eliminata entro il 2022, ha affermato.

Un’altra importante azienda, Axis Capital, il 20 ottobre si è impegnata a porre fine a tutte le assicurazioni o riassicurazioni per impianti o miniere di carbone.

Leggi anche https://www.intermediachannel.it/2021/09/22/sostenibilita-lindustria-del-carbone-non-trova-coperture-assicurative-e-tenta-la-strada-di-compagnie-mutualistiche/

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: Insurtech Zego si espande in Europa puntando sul mercato delle flotte auto

E’ un business che vale £ 20 miliardi La società avvierà l’attività nei Paesi Bassi e…
Leggi di più
EsteroNews

Francia: l’insurtech Luko acquisirà la e tedesca Coya

L’insurtech francese Luko – scrive Bestwire – ha acquisito l’assicuratore…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Le leggi antitrust ostacolano il boicottaggio del carbone da parte degli assicuratori

L’impegno vincolante ad abbandonare l’assicurazione del carbone per partecipare alla Net Zero…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.