In EvidenzaNews

Rapport Clusit: da cybercrime danni superiori al 6% del Pil mondiale

La cybersecurity è diventata un’emergenza globale. Il Rapporto Clusit (Associazione Italiana per la sicurezza informatica) sul primo semestre 2021 parla di un impatto economico superiore al 6% del Pil mondiale provocato dai cyber criminali

Nei primi sei mesi dell’anno gli attacchi gravi sono cresciuti del 24% rispetto all’anno scorso e quelli con effetti “molto critici o devastanti” sono cresciuti dal 49% al 74%.

Per quanto riguarda l’Italia “auspichiamo che il Pnrr possa rappresentare l’occasione di mettersi al passo e colmare le proprie lacune anche in ambito cyber”, ha detto Andrea Zapparoli Manzoni, co-autore del Rapporto.

Lo studio del Clusit include un’analisi svolta da Fastweb sugli attacchi messi a segno in Italia. Nel primo semestre dell’anno si contano 36 milioni di eventi malevoli, in aumento del 180% rispetto allo stesso periodo del 2020. A livello mondiale, si è registrato un aumento del 21% gli attacchi gravi compiuti per finalità di cybercrime, cioè per estorcere denaro (rappresentano l’88% del totale).

In diminuzione, invece, quelli classificati come attività di cyber espionage (-36,7%), dopo il picco straordinario del 2020 dovuto principalmente allo spionaggio relativo allo sviluppo di vaccini e cure per il Covid-19. Tra le tecniche d’attacco il malware rappresenta il 43% del totale, in crescita del 10,5%.

A seguire le tecniche sconosciute (categoria “unknown”), in aumento del 13,9% sul secondo semestre 2020; crescono dell’11,6% gli attacchi gravi condotti con “tecniche multiple”. In termini percentuali la categoria più colpita è Government che rappresenta il 16% del totale; al secondo posto ancora la Sanità con il 13% degli attacchi totali, al terzo Multiple Target, che in questo semestre rappresenta il 12% delle vittime.

Il Clusit sottolinea come siamo di fronte a un cambio di strategia da parte degli attaccanti che privilegiano attacchi gravi mirati verso singoli bersagli, con tecniche di tipo ransomware aggravata dalla “double extortion”, cioè della minaccia di diffondere i dati rubati alle vittime qualora non paghino il riscatto. Riguardo la distribuzione geografica degli attacchi, nel primo semestre del 2021 sono aumentati del 10% quelli verso realtà basate in Europa, mentre rimangono invariate le percentuali di vittime di area americana e asiatica.

Leggi anche https://www.intermediachannel.it/2021/02/08/europ-assistance-dichiara-guerra-al-cybercrime/

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Classifiche: Ping an guida la classifica dei brand assicurativi globali

Pubblicato il Global 500 di Brand Finance Il marchio cinese valutato $ 54 miliardi, segue Allianz…
Leggi di più
EsteroNews

Australia: QBE si sfila da lista pretendenti per General Insurance di Zurich

Candidate ad aggiudicarsi l’acquisto sono ora Suncorp e Chubb Zurich Insurance Group…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: comune di San Jose impone RC obbligatoria a tutti i proprietari di armi

E’ il primo comune statunitense ad adottare una simile ordinanza Ogni anno la città spende…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.