In EvidenzaIVASSNews

Ivass, raccolta premi e nuova produzione al secondo trimestre

Raccolta premi complessiva in crescita del 14,4% a 77,8 miliardi di euro (+14,4%)

Traina la crescita il Ramo Vita a 58,3 miliardi di euro (+18,6%), mentre il segmento Danni sale a19,5 miliardi (+3,4%)

Nei rami Danni, il canale prevalente sono le agenzie con mandato:69,2% del totale e l’84,5% della R.C. autoveicoli terrestri

La raccolta premi complessiva nei rami vita e danni nei primi sei mesi del 2021 è di 77,8 miliardi di euro, in aumento del 14,4% rispetto al primo semestre 2020. Secondo quanto spiega l’Ivass che ha pubblicato le statistiche sui “Premi lordi contabilizzati (vita e danni) e nuova produzione vita al secondo trimestre 2021”, l’incremento è da attribuire principalmente alla raccolta Vita (+18,6%) che è il settore prevalente nel mercato assicurativo italiano con 58,3 miliardi di euro di premi.

Il recupero è concentrato nel ramo III relativo alle polizze unit e index linked, la cui raccolta semestrale cresce di 8,5 miliardi di euro (+61,2%) rispetto al 2020 e segna il miglior risultato mai rilevato.

Il ramo I, a cui sono collegate le polizze vita “pure”, cresce su base annua di 2,5 miliardi di euro (+8%). Diminuiscono invece i premi relativi ai Fondi Pensione (ramo VI) e alle operazioni di capitalizzazione (ramo V).

La nuova produzione del settore vita cresce di poco più di 8 miliardi (+23,8%) rispetto all’analogo periodo del 2020.

Nel settore Danni la raccolta è di 19,5 miliardi, in aumento del 3,4% rispetto alla prima metà del 2020. Il comparto Non-Auto, dopo la fase recessiva attraversata durante la pandemia, ricomincia a crescere in tutti i rami principali. Nel comparto Auto aumenta la raccolta legata alle coperture facoltative a tutela dei veicoli – Corpi Veicoli Terrestri (+211 milioni) e prosegue la riduzione del ramo Rc Auto (-195 milioni).

Per le polizze Vita, gli sportelli bancari e postali si confermano il principale canale di distribuzione (56,3% del totale); per quelle Danni, il canale prevalente sono le agenzie con mandato (69,2% del totale dei rami e l’84,5% della R.C. autoveicoli terrestri).

Leggi anche https://www.intermediachannel.it/2021/11/08/ivass-assicurazioni-determinanti-per-la-transizione-ecologica/

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Giappone: il declino della Rc auto spinge le compagnie ad esplorare altri rami assicurativi

La raccolta premi dell’assicurazione motor dei primi quattro operatori diminuita dello 0,2 nel…
Leggi di più
EsteroNews

Brasile: compagnie nella graticola per coperture assicurative a trivellazioni offshore

Tokio Marine, Chubb e Mapfre criticati dall’associazione ambientalista Insure our…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: Metlife riassicura rischio di longevità per $3,5 miliardi

La compagnia vita Usa era già entrata nel mercato della longevity inglese con una transazione da…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.