News

Dalla Cassa Dottori Commercialisti quasi 25 milioni a sostegno dei professionisti nel 2021

Si è tenuta all’Auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze la nona edizione del convegno focalizzata sulle opportunità che il Piano nazionale di ripresa e resilienza può offrire in termini di rinascita delle libere professioni

Ammontano a quasi 25 milioni di euro gli interventi di welfare che la Cassa Dottori Commercialisti (CDC) ha messo in campo a favore dei propri iscritti nel 2021 e che, per la loro finalità, si muovono nella direzione delle missioni del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Proprio per analizzare le opportunità che il Piano nazionale di ripresa e resilienza può offrire in termini di rinascita delle libere professioni, attraverso l’innovazione, la formazione continua e l’acquisizione di competenze sempre più specialistiche e consulenziali, la Cassa Dottori Commercialisti ha organizzato oggi all’Auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze la nona edizione di Previdenza in tour dal titolo “E quindi uscimmo a riveder le stelle – PNRR e futuro delle professioni: sarà vera rinascita?”.

In linea con le 6 missioni in cui è articolato il PNRR (digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo da un lato, rivoluzione verde e transizione ecologica dall’altro, oltre a infrastrutture per una mobilità sostenibile, istruzione e ricerca, inclusione e coesione, e salute) la Cassa Dottori Commercialisti nel 2021 ha erogato oltre 10 milioni di euro di contributi in assistenza dei propri iscritti, di cui 5 milioni e mezzo di euro a sostegno della famiglia, 3 milioni di euro di sostegno allo studio, oltre 1 milione e mezzo a tutela della maternità. A questi si aggiungono 3 milioni e mezzo di euro di contributi a supporto degli iscritti e dei pensionati e, come da bando pubblicato di recente, 2 milioni di euro messi a disposizione degli iscritti fino a 40 anni di età per le spese di frequenza dei propri figli in asili e scuole d’infanzia sostenute per l’anno educativo 1.9.2021-31.7.2022. Senza dimenticare i quasi 9 milioni di euro di polizze sanitarie garantite ai professionisti nel 2021.

Nel corso del convegno di Firenze sono state illustrate anche le modalità di sviluppo e realizzazione delle missioni previste dal PNRR, fondamentali per far sì che il Piano risulti veramente inclusivo anche in termini di possibilità di crescita per la categoria dei dottori commercialisti e dei professionisti in generale.

“Siamo fermamente convinti” – commenta Stefano Distilli, presidente Cassa Dottori Commercialistiche il Piano nazionale di ripresa e resilienza rappresenti per l’Italia un’occasione fondamentale da non sprecare per una ripartenza in termini di investimenti strutturali, infrastrutturali e riforme. In quest’ottica, Next Generation EU, il maxi fondo da 807 miliardi di euro stanziato dall’UE rispetto al quale il PNRR rappresenta la porta di accesso, non va considerato come panacea o rimedio universale, ma piuttosto come strumento da maneggiare e utilizzare responsabilmente. Ecco che i liberi professionisti, e in particolare i dottori commercialisti, sono chiamati ad assumere un ruolo fondamentale, non solo in termini di supporto alla gestione e alla rendicontazione dei progetti, ma anche e soprattutto nella consulenza strategica e nella selezione di strumenti efficaci per la realizzazione di questo percorso di crescita ed evoluzione. A loro disposizione ci sono diversi strumenti, a partire dalla digitalizzazione, così come trasversalità e specializzazione in una logica di aggregazione professionale, senza dimenticare la formazione e l’aggiornamento continuo, che possano supportare la crescita non solo per il proprio studio, ma anche per la clientela. In questo ambito le Casse professionali interpretano un ruolo di supporto nel disegnare politiche di welfare ‘attivo’ per gli iscritti, con un’attenzione particolare al superamento dei divari generazionali, di genere e territoriali”.

Leggi anche Cassa Dottori Commercialisti presenta Previdenza in tour 2021

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Trend: la blockchain farà risparmiare costi agli assicuratori per $10 miliardi entro il 2024

Le soluzioni assicurative basate su blockchain trasformeranno drasticamente la gestione dei sinistri…
Leggi di più
EsteroNews

Usa: inapplicabile clausola di guerra nell’attacco cyber a Merck

Nel 2017 la società farmaceutica fu colpita da un incursione ransomware e subì danni per $ 1,4…
Leggi di più
News

VHV Allgemeine Versicherung AG acquisisce da ITAS il 91,1% di Assicuratrice Val Piave

VHV Allgemeine Versicherung AG, Hannover, società del Gruppo VHV e l’italiana ITAS Mutua…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.