In EvidenzaNews

USA: la California discute la creazione di un sistema sanitario universale finanziato dalle tasse

La California sta considerando, per i residenti dello stato, la creazione del primo sistema sanitario universale statunitense finanziato dallo stato. La proposta adotterebbe un sistema sanitario a pagamento unico che sostituirebbe la necessità di piani assicurativi privati.

I legislatori – scrive The Guardian – stanno discutendo due disegni di legge. Il primo creerebbe il sistema sanitario universale l’altro delineerebbe i piani per finanziarlo aumentando le tasse, specialmente per gli individui e le imprese più ricchi. La riforma sanitaria dovrò comunque affrontare ostacoli significativi, compresa l’opposizione di potenti lobby di medici e compagnie di assicurazione. Se i disegni di legge fossero varati nel corso della legislatura, gli elettori dovrebbero anche approvare le tasse per finanziare il nuovo sistema emendando la costituzione della California. In passato sono falliti tutti i piani discussi per sostituire l’assicurazione sanitaria privata con un programma universale finanziato dallo stato. Gli elettori californiani hanno respinto le proposta nel 1994 e i legislatori statali non sono riusciti a trovare un modo per finanziare un sistema sanitario a pagamento unico nel 2017.

I tentativi di creare un’assistenza sanitaria universale a livello nazionale non sono riusciti a guadagnare molti consensi nonostante siano stati promossi da importanti legislatori progressisti, compreso il candidato presidenziale del 2020, il senatore Bernie Sanders. Anche le legislature statali del Vermont e di New York hanno provato e fallito a creare piani di assistenza sanitaria universale.

“Ci sono innumerevoli studi che ci dicono che un sistema sanitario a pagamento unico è la cosa fiscalmente sana da fare, la politica sanitaria più intelligente da seguire, e un imperativo morale se abbiamo a cuore la vita umana”, ha detto il deputato della California Ash Kalra, autore della proposta.

Il governatore della California Gavin Newsom, un democratico, ha fatto una campagna elettorale nel 2018 con la promessa di aiutare a introdurre un sistema sanitario a pagamento unico, ma sta affrontando la rielezione di quest’anno senza chiarire se l’assistenza sanitaria universale rappresenta per lui ancora una priorità. “Penso che il sistema ideale sia un sistema a pagamento unico. Sono stato coerente con questo per ben oltre un decennio”, ha detto in una conferenza stampa. Ma ha anche aggiunto di non aver “avuto l’opportunità di rivedere” il progetto discusso in questa legislatura.

Nel frattempo Newsom si sta impegnando per espandere l’accesso a Medi-Cal, un programma sanitario statale per i californiani a basso reddito, così da estenderne l’ammissibilità a tutti i residenti indipendentemente dallo stato di immigrazione. Il piano di Newsom propone di spendere 2,2 miliardi di dollari all’anno per espandere l’idoneità Medi-Cal a tutti i residenti a basso reddito, dopo anni di progressiva estensione del programma prima ai bambini senza documenti e poi agli anziani. La proposta estenderebbe la copertura sanitaria pubblica ad altre 700.000 persone. Se ottenesse l’approvazione finale quest’estate, potrebbe entrare in vigore entro il 2024.

Leggi anche Usa: gli assicuratori dovranno fornire gratis i test per covid-19

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: Insurtech Zego si espande in Europa puntando sul mercato delle flotte auto

E’ un business che vale £ 20 miliardi La società avvierà l’attività nei Paesi Bassi e…
Leggi di più
EsteroNews

Francia: l’insurtech Luko acquisirà la e tedesca Coya

L’insurtech francese Luko – scrive Bestwire – ha acquisito l’assicuratore…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Le leggi antitrust ostacolano il boicottaggio del carbone da parte degli assicuratori

L’impegno vincolante ad abbandonare l’assicurazione del carbone per partecipare alla Net Zero…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.