EsteroIn EvidenzaNews

GB: Boris Johnson “vacilla” sul piano per aumentare i contributi sociali

L’incremento del’1,25%, necessario per sostenere il sistema sanitario, dovrebbe entrare in vigore ad aprile ma il premier è sottoposto a crescenti pressioni da parte del sul partito per rinviarne l’entrata in vigore

Boris Johnson sta “vacillando” sui piani per aumentare i contributi dell’assicurazione sociale dopo che i deputati Tory hanno avvertito che il rinvio dell’aumento è una condizione per continuare ad assicurargli il loro sostegno. Il primo ministro – scrive The Times – ha rifiutato di impegnarsi per l’aumento dell’1,25 per cento per datori di lavoro e dipendenti a partire da aprile. È la settima volta in quattro giorni che ha rifiutato di dire che l’aumento andrà avanti.

I parlamentari conservatori che stanno considerando di inviare lettere di sfiducia a Johnson gli hanno ripetutamente detto che l’aumento non deve andare avanti proprio nel momento in cui la gente sta lottando per far fronte al costo della vita. Johnson “sta vacillando – ha detto una fonte del governo rimasta anonima – penso che farebbe qualsiasi cosa per sopravvivere”.

Abbandonare l’aumento provocherebbe un litigio con il Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak secondo il quale c’è poco spazio per un allentamento fiscale proprio quando l’inflazione rialza la testa. Per Sunak sarebbe “fiscalmente irresponsabile” cambiare rotta perché il risultato sarebbe un maggiore indebitamento. Ma la destra dei tory è in rivolta.

“Sembra che Johnson – ha detto un’altra fonte del governo – stia facendo marcia indietro a causa della pressione che sta subendo sul party-gate”, lo scandalo delle feste a Downing Street durante il lockdown. “Non è mai stato popolare tra la destra del partito ed è quel gruppo di cui Boris è più preoccupato”.

L’aumento dei contributi sociali di cui si discute è necessario per rimettere in sesto il servizio sanitario nazionale messo in ginocchio dalla pandemia. I tempi di attesa per le prestazioni sanitarie si sono fortemente dilatati e molte strutture sono in ginocchio. “Ogni centesimo – ha detto Johnson – andrà a sistemare gli arretrati del Covid e anche l’assistenza sociale Penso che la gente capisca, non credo che ci sia una famiglia in questo paese che non sia stata colpita dagli arretrati del Covid in un modo o nell’altro”.

Ma le voci contrarie agli aumenti si moltiplicano. Mel Stride, presidente Tory del Treasury select committee, ha detto in un’intervista che gli incrementi contributivi rappresentano “una misura inflazionistica in sé e questo avrebbe conseguenze a catena sui costi del servizio del debito nazionale, per esempio, e quindi avrebbe un impatto fiscale negativo”.

D’altra parte, a suo giudizio, l’inflazione sta già dilatando le entrate fiscali aumentando lo spazio di manovra del governo. Nel prossimo anno, secondo alcune stime, Sunak avrebbe circa 13 miliardi di sterline in più nelle casse rispetto alle previsioni. “Questo è quasi esattamente lo stesso importo del costo del mancato aumento dell’assicurazione nazionale”.

Sir John Redwood, un ex ministro del Gabinetto, ha detto che ora c’è “molto slancio tra i parlamentari” per cancellare l’aumento. E secondo David Davis, altro ex ministro, che ha invitato Johnson a dimettersi, vi sono condizioni finanziarie tali da poter “tranquillamente cancellare l’aumento dell’assicurazione nazionale”.

Leggi anche GB: Tory in rivolta su proposta Johnson di aumentare i contributi sociali al sistema sanitario nazionale

Articoli correlati
EsteroNews

Cina: Ping An emette obbligazioni convertibili per $3,5 miliardi

Le nuove risorse serviranno a finanziare la crescita nel settore della salute e nell’assistenza…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Allianz: rileverà il 51% di Income Insurance per 1,5 mld euro

La compagnia di Singapore è una delle quattro società del settore nella città-stato asiatica…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Francia: Allianz mira a reclutare 200 nuovi agenti entro 5 anni

La nuova rete affiancherà quella esistente, occupandosi di collocare prodotti di protezione…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.