EsteroNews

Asia: effetti del climate change potenziati dall’insurance gap

Nel 2021 le inondazioni di Henan hanno comportato danni per $16,5 miliardi di cui solo il 10% assicurato

In Asia gli effetti del climate change sono potenziati dal più elevato gap assicurativo esistente rispetto alle altre aree del pianeta. Lo sottolinea un articolo della CNBC citando recenti analisi del riassicuratore tedesco Munich Re. ”La Cina è un mercato in cui il divario assicurativo è molto grande e la sottoassicurazione è molto alta”, ha detto Ernst Rauch, capo climatologo e geologo del Munich Re Group.  “Il disastro naturale più costoso dell’anno scorso in Asiaha spiegato alla CNBC – sono state le inondazioni di Henan con una perdita complessiva di 16,5 miliardi di dollari, di cui solo il 10% è stato assicurato”.

All’inizio di gennaio, un report del gigante assicurativo tedesco ha mostrato che “l’Asia come regione è in ritardo con un grande divario assicurativo dell’83% contro la media globale del 57%”. A causa di eventi meteorologici estremi la regione ha subito perdite economiche complessive di 50 miliardi di dollari nel 2021, di cui solo 9 miliardi di dollari sono stati assicurati. Il gap assicurativo si riferisce alla differenza tra le perdite economiche causate da disastri naturali e le perdite assicurate.

Il secondo disastro più costoso in Asia è stato il terremoto di magnitudo 7,1 al largo della costa orientale del Giappone nel febbraio dello scorso anno, che ha causato perdite enormi di 7,7 miliardi di dollari, secondo le stime di Munich Re. La perdita assicurata è stata di soli 2,3 miliardi di dollari, creando un gap assicurativo del 70%, secondo il rapporto.

La maggior parte dell’Asia è esposta soprattutto a tifoni e inondazioni, ha detto Kelvin Kwok, analista di Moody’s Investors Service. “La crescente gravità di queste catastrofi – ha spiegato – sta spingendo gli assicuratori e i riassicuratori a gestire meglio i rischi associati. Questo potrebbe mettere a dura prova la redditività e la capitalizzazione degli assicuratori se non riescono ad acquisire una sufficiente protezione riassicurativa o a tenere conto del potenziale deterioramento delle perdite nei prezzi dei loro prodotti”.

Una delle ragioni principali dietro il problema della sottoassicurazione contro le catastrofi naturali in Asia è la mancanza di consapevolezza del valore dell’assicurazione.

“Le comunità, le istituzioni finanziarie e i governi potrebbero non avere la stessa familiarità con i vantaggi dell’assicurazione”, ha detto Rauch. Di conseguenza, non sanno che l’assicurazione può aiutare a “stabilizzare lo sviluppo della ricchezza di un individuo o di un paese, attenuando gli shock economici”.

La bassa penetrazione assicurativa in alcuni mercati in via di sviluppo è un altro fattore. Questo è per lo più limitato dai bassi livelli di reddito in quei paesi. “Per esempio, gli assicuratori cinesi hanno coperto solo circa il 10% delle perdite economiche derivanti dalle inondazioni del fiume Yangtze nel 2020, rispetto a circa il 30%-40% per i disastri naturali in Occidente”, ha detto Kwok.

Anche le fonti alternative di capitale, come i titoli legati alle assicurazioni e le obbligazioni catastrofiche, sono meno diffuse in Asia rispetto all’Occidente. “Questo limita in parte l’offerta di capitale per sottoscrivere i rischi di catastrofe in Asia”, ha aggiunto.

I limiti, al tempo stesso, rappresentano anche opportunità. ”Molte imprese e famiglie potrebbero essere finanziariamente devastate dai disastri naturali. Assicurare contro questi rischi garantirebbe che quando i disastri colpiscono, le comunità assicurative potrebbero accelerare il recupero delle perdite”, ha detto Siew Wai Wan, senior director Asia-Pacific Insurance a Fitch Ratings. Le prospettive di crescita a lungo termine dei mercati assicurativi dell’Asia “rimangono favorevoli”, dati i tassi di penetrazione assicurativa più bassi e “l’espansione economica costante”.

Leggi anche Asia il 27% del pil a rischio di-climate change entro il 2050

Articoli correlati
News

Inflazione e le condizioni del mercato del lavoro faranno aumentare le retribuzioni in Italia del 3,4% nel 2023

Il 77% delle aziende ha dichiarato di avere problemi a ricoprire i ruoli IT e il 73% a mantenere il…
Leggi di più
In EvidenzaNews

E-bike modificata? Serve una targa e l’assicurazione come per le moto

Sanzioni pesanti che vanno dai 1.890 euro a 7.500 euro per i trasgressori Novità in arrivo per…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Generali risponde a Consob: corretta la cooptazione di Marsaglia in cda

Generali ha risposto alla richiesta di chiarimenti di Consob sulla cooptazione in consiglio di…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.