EsteroIn EvidenzaNews

USA: 15 milioni di persone rischiano l’assistenza sanitaria con la fine dell’emergenza covid-19

I sussidi pubblici erogati durante l’emergenza sanitaria hanno allargato le maglie del sistema privatistico statunitense che ora potrebbero tornare a restringersi

Se nel 2020 l’arrivo di covid-19 aveva messo in crisi nel 2020 il sistema sanitario americano, la fine dell’emergenza sanitaria potrebbe causare nuovi problemi. Nel corso della pandemia il sistema è stato reso più generoso, flessibile e aggiornato tecnologicamente attraverso una serie di misure temporanee. Ma ora tutto questo rischia di svanire con l’allontanarsi della crisi sanitaria e ben 15 milioni di americani potrebbero trovarsi da un giorno all’altro privi della copertura di Madicaid (il sistema sanitario pubblico per i non abbienti) e nella necessità di trovare rapidamente altre fonti di copertura. Lo riferisce un lungo articolo dell’Associated Press in cui esamina le conseguenze per la fine dello stato di emergenza. La scadenza è fissata al 16 aprile ma l’aspettativa è che l’amministrazione Biden la estenda fino a metà luglio. Alcuni vorrebbero una rampa di uscita più lunga.

“Le flessibilità concesse attraverso l’emergenza sanitaria pubblica hanno aiutato le persone a rimanere coperte e ad avere accesso alle cure, quindi andando avanti la domanda chiave è come costruire su quello che è stato un successo e non perdere terreno”, ha detto Juliette Cubanski, un esperto della Kaiser Family Foundation, che ha fatto ricerche sulle potenziali conseguenze della chiusura dell’emergenza pandemica.

Medicaid, il programma di assicurazione sanitaria statale-federale per persone a basso reddito, sta coprendo circa 79 milioni di persone, una cifra record in parte dovuta proprio alla pandemia.

Ma il think tank apartitico Urban Institute stima che circa 15 milioni di persone potrebbero perdere Medicaid quando l’emergenza sanitaria pubblica finirà, ad un ritmo di almeno 1 milione al mese.

Il Congresso ha aumentato i pagamenti federali di Medicaid agli stati a causa di covid-19, ma ha anche richiesto agli stati di mantenere le persone nei registri durante l’emergenza sanitaria. In tempi normali gli stati cancellano abitualmente i beneficiari di Medicaid i cui redditi aumentano oltre certi livelli, o per altri cambiamenti di vita che influenzano l’idoneità. Una volta finite le misure d’emergenza il processo di revisione delle liste riprenderà a funzionare.

Praticamente tutti coloro che perdono Medicaid dovrebbero essere idonei per qualche altra fonte di copertura, sia attraverso i datori di lavoro o l’Affordable Care Act (Aca), anche detta Obamacare, la riforma voluta dall’ex presidente americano per fornire un aiuto pubblico ai piani assicurativi privati su cui si fonda il sistema sanitario statunitense. Ma questo non accadrà automaticamente, ha detto Matthew Buettgens, ricercatore principale dello studio dell’Urban Institute.

Le persone eliminate da Medicaid potrebbero non rendersi conto che possono prendere la copertura ACA sovvenzionata dai contribuenti. Medicaid è di solito gratuito, quindi le persone a cui viene offerta un’assicurazione sul posto di lavoro potrebbero trovare i premi troppo alti.

I Centri federali per Medicare e Medicaid Services, o CMS, stanno consigliando agli stati di prenderla con calma e di collegare i destinatari di Medicaid che stanni per essere cancellati con altre potenziali coperture.

La copertura dell’Obamacare è un’opzione per molti che perderebbero Medicaid. Ma sarà meno accessibile se i democratici del Congresso non riusciranno ad estendere la generosa assistenza finanziaria richiesta nella legislazione sociale proposta dal presidente Joe Biden. I democratici che stanno bloccando il disegno di legge si troverebbero ad affrontarne la responsabilità

Nella stessa situazione si trovano anche i repubblicani negli stati del sud che hanno rifiutato di espandere Medicaid. In quegli stati, può essere molto difficile per gli adulti a basso reddito ottenere la copertura e più persone potrebbero finire senza assicurazione.

Non è tutto. La fine dell’emergenza sanitaria pubblica metterebbe in pericolo per milioni di iscritti al Medicare (il sistema sanitario pubblico per gli over 65) l’accesso alla telemedicina, fortemente potenziata durante il periodo di emergenza sanitaria. E un’area oscura riguarda anche l’accesso a test per covid-19 nonché il sostegno ai trattamenti che durante la fase più acuta dell’epidemia è stato fortemente agevolato.

Leggi anche Usa 2-3-milioni di californiani con assistenza sanitaria pubblica a rischio

Articoli correlati
In EvidenzaNews

#OttobreEdufin2022: le iniziative del Forum ANIA-Consumatori

In programma il prossimo 19 ottobre la Giornata dell’Educazione Assicurativa. In quella occasione…
Leggi di più
EsteroNews

GB: Lemonade entra nel mercato delle protezioni domestiche

L’insurtech Usa ha sottoscritto una partnership decennale con Aviva, campione degli assicuratori…
Leggi di più
EsteroNews

Future pandemie: i regulator debbono svolgere un ruolo di ponte tra i governi e le assicurazioni, dice IAIS

Gli insegnamenti dell’emergenza covid -19 in un report dell’associazione internazionale delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.