In EvidenzaNews

Il Quarto Stato del Pellizza a Firenze: il viaggio in camion da Milano assicurato per 30 milioni di euro

La tela che misura 6 metri di lunghezza e 3 in altezza, cornice compresa, rientrerà alla base subito dopo il 30 giugno, ma potrebbe anche trovare una nuova collocazione

Se associ l’idea di un quadro alla Festa dei Lavoratori non puoi fare a meno di pensare al “Quarto Stato” del Pellizza da Volpedo, uno dei quadri simbolo del XX secolo, oggi conservato nelle sale del Museo del Novecento di Milano.

“Ogni età ha un’arte speciale. L’artista deve studiare la società in cui vive e capire l’arte che gli è data”. Con queste parole si raccontava il pittore piemontese (Volpedo è un piccolo paese a due passi da Tortona, sul confine tra la provincia di Alessandria e Pavia) prima di dipingere la splendida allegoria delle battaglie politico-sociali dei lavoratori.

Pellizza è stato il primo artista a voler rappresentare l’ascesa del movimento operaio nella vita nazionale, affermando il principio di emancipazione del popolo. È chiaro che in un periodo di grandi cambiamenti e incertezze come quello che stiamo attraversando, quell’opera d’arte riacquista prepotentemente tutta la sua potenza.

È per questo che a Firenze hanno voluto fortemente che il “Quarto Stato” fosse esposto nella Sala dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, a partire proprio dal prossimo 1 maggio e fino al 30 giugno.

E’ stato il sindaco Dario Nardella a convincere il milanese Beppe Sala a permettere, grazie anche all’assessore alla Cultura di Milano Tommaso Sacchi, che ricopriva fino a un anno fa lo stesso ruolo a Firenze, la trasferta toscana del Quarto Stato. L’ultima volta era stato nel 2008 per una mostra al Quirinale.

Un prestito gratuito per la grande tela conclusa nel 1901 che ha già lasciato Milano a bordo di un camion di 16 metri. Gratuito certamente il prestito, ma non le spese di un trasporto del genere, tutte a carico del Comune di Firenze che ha dovuto stipulare un contratto assicurativo del valore di 30 milioni di euro. Un trattamento di favore vista l’importanza dell’opera, ma il ribasso è stato possibile per il fatto che si tratta di un prestito fra due Comuni. Tra il trasporto, l’allestimento e l’esposizione al pubblico, il prestito di un’opera d’arte come il Quarto Stato presenta evidenti rischi. È evidente che nonostante la cura dei soggetti coinvolti (il prestatore, l’organizzatore, il trasportatore, l’allestitore e lo spazio ospitante) non tutti i rischi sono eliminabili e vanno quindi trasferiti all’assicuratore.

Prima di lasciare Milano il capolavoro è stato tolto dalla teca in cui viene custodito e sottoposto a una scansione 3D per accertarne lo stato di salute, è stato pulito e imballato, fatto uscire dal museo da una finestra, poi calato in strada e caricato sul mezzo per il trasporto eccezionale.

La tela che misura 6 metri di lunghezza e 3 in altezza, cornice compresa, rientrerà alla base subito dopo il 30 giugno, ma potrebbe anche trovare una nuova collocazione. La decisione di un eventuale spostamento, addirittura il suo ritorno alla Gam dove era esposta fino al 2010 quando fu trasferita per fare da richiamo nel nuovo museo del Novecento, sarà discussa col futuro direttore del museo che, ha assicurato l’assessore, sarà nominato nell’arco di un mese.

L’opera ha un significato particolare per Milano. Fu infatti comperata dal Comune nel 1920 grazie a una sottoscrizione popolare, in pratica fu acquistato con le donazioni dei milanesi. Venne poi messo in deposito nel periodo del fascismo per poi essere esposto dopo la guerra nella sala del Consiglio comunale dove è rimasto fino al 1980, quando è stato portato alla Galleria di Arte Moderna e infine al Museo del Novecento.

A cura di Vincenzo Giudice

Leggi anche Il Gruppo Unipol è lo sponsor principale della mostra Il Cinquecento a Firenze

Articoli correlati
EsteroNews

Usa: State Farm nella bufera per l’appoggio (poi ritirato) al programma informativo transgender

Il gigante assicurativo Usa State Farm è al centro di molte polemiche per il suo appoggio (poi…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Australia: balzo in avanti dell’utile netto per le assicurazioni sanitarie private

Utile netto per $AUS 2 miliardi al 31 marzo 2022 rispetto ai $AUS 952 di un anno fa Le…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Cina: Pechino offre assicurazioni sulle vaccinazioni covid-19

Le autorità preoccupate per un tasso di vaccinazione tra gli anziani di solo l’89 per…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.