EsteroIn EvidenzaNews

Europa: +7% i costi sinistri della Rc auto nel 2022

Uno studio di BCG stima in particolare per l’Italia un incremento dei risarcimenti di 2,1 miliardi nel periodo 2019- 2021

Il report non quantifica gli effetti indotti dalla guerra in Ucraina

Dall’inizio della pandemia, il costo di un sinistro automobilistico è aumentato in media del 4% ogni anno nei maggiori mercati europei, aggiungendo circa cinque miliardi di euro di costi totali ai conti economici delle compagnie assicurative europee, ma si prospetta un ulteriore aumento dal 5% al 7% nel corso del 2022.

È quanto emerge dallo studio “Managing motor claims inflation in the post-pandemic environment” di Boston Consulting Group, pubblicato nel marzo scorso ma del quale le agenzie di stampa hanno dato conto soltanto ieri. Il report conferma e quantifica il trend inflattivo in atto, in particolare per la componente di danno materiale nell’Rc Auto ma si tratta di una stima che potrebbe rivelarsi sbagliata per difetto perché nel calcolo non sono compresi gli effetti del conflitto in corso tra Russia e Ucraina.

Se guardiamo all’Italia, è attesa una crescita del costo medio del sinistro Rca nel 2022 compresa fra il 4,5% ed il 7%, a fronte di un valore pari a 2,4% nel 2021 ed inferiore al 2% negli anni precedenti. Considerando che ogni punto percentuale di inflazione costa alle compagnie di assicurazione circa 100 milioni di euro di costi addizionali nei sinistri Rca, al 2025, nello scenario più moderato definito dallo studio, il mercato italiano avrà accumulato circa 2,1 miliardi di euro di costi addizionali rispetto al 2019, ultimo anno non impattato dal Covid.

Per capire la differenza con il periodo pre-pandemico, si può tenere in considerazione il margine tecnico complessivo del settore Rca registrato nel 2019, pari a 1,5 miliardi di euro. “L’impennata dell’inflazione nei sinistri Auto è dovuta ad una congiuntura da “tempesta perfetta” – spiega Emanuele Costa, partner e director di Bcg – abbiamo avuto gli effetti della pandemia, ad esempio le difficoltà di approvvigionamento sui pezzi di ricambio, che continueremo a osservare fino almeno al prossimo anno, a cui si somma una strutturale evoluzione tecnologica dei veicoli, che porterà maggiori complessità dei componenti e, di conseguenza, costi superiori e incremento dei tempi di lavoro”.

Leggi anche USA: Geico utilizzerà intelligenza artificiale per la gestione dei sinistri auto

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Gli assicuratori riducono le coperture preoccupati dal climate change

L’allarme lanciato dalla Banca dei Regolamenti Internazionali Ben 3,6 miliardi di persone nel…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: la city sfida le Bermuda nella leadership del mercato delle assicurazioni captive

Il Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt ha preannunciato una consultazione sull’introduzione…
Leggi di più
EsteroNews

GB: record di iscritti alle assicurazioni sanitarie

Sono 5,8 milioni gli inglesi che dispongono di una copertura integrativa del servizio sanitario…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.