In EvidenzaNews

Unipol: piano da 2,3 miliardi di utili

Cimbri: “Presentiamo oggi il primo piano strategico di una nuova fase nella storia di Unipol, un gruppo capace di rinnovarsi e dare continuità alla governance”

Unipol mette piede in una nuova fase della propria storia con il nuovo piano industriale al 2024 “Opening new ways”, approvato dal cda e che prevede la generazione di utili per 2,3 miliardi di euro (da 2 miliardi) e il pagamento di dividendi complessivi per 750 milioni (da 600 milioni).

Il piano nasce con l’obiettivo di ampliare il posizionamento del gruppo, continuando ad “aprire nuove strade” negli ecosistemi Mobility, Welfare e Property e nella Bancassicurazione. Il business plan “fa leva sugli asset distintivi del gruppo Unipol e si articola su cinque direttrici strategiche”: consolidare l’eccellenza tecnica grazie all’uso dei dati, rafforzare la leadership in ambito salute, potenziare il modello di bancassurance, accelerare l’evoluzione dell’offerta con mobility e welfare, ed evolvere il modello operativo con l’utilizzo di nuove tecnologie.

“Presentiamo oggi il primo piano strategico di una nuova fase nella storia di Unipol, un gruppo capace di rinnovarsi e dare continuità alla governance, in grado di creare valore per gli azionisti e anticipare i nuovi bisogni, le aspettative e i desideri di tutela da parte di cittadini e imprese, forte della leadership negli ecosistemi Mobility, Welfare e Property”, afferma il presidente di Unipol, Carlo Cimbri.

L’innovazione e l’evoluzione digitale guideranno il percorso di sviluppo nei prossimi anni del gruppo, aprendo nuove strade nel core business assicurativo, in linea con la nostra visione strategica”.

A livello industriale Unipol si pone come obiettivi l’incremento della raccolta premi Danni pari a 8,9 miliardi di (+1,1 miliardi), di cui 1 miliardo nel comparto Salute, combined ratio al 92,6% (-2,7% rispetto al 2021) e una raccolta nel Vita di 5,8 miliardi (+400 milioni).

Il board del gruppo ha approvato anche i conti del primo trimestre che vedono un risultato netto consolidato pari a 246 milioni (-31,7% sul 2021, quando avevano tuttavia inciso due rilevanti partite straordinarie), una raccolta diretta assicurativa a 3,4 miliardi (+8,4%) con il Danni arrivato a 2 miliardi (+5,5%) e il Vita a 1,4 miliardi (+12,9%). Il combined ratio netto riassicurazione si attesta al 93% dall’89,1% di un anno fa. La Solvency cala dal 214% al 209%.

Abbiamo un forte posizionamento di mercato e asset distintivi che intendiamo valorizzare, in un contesto economico e di mercato complesso, per rafforzare la nostra leadership nell’assicurazione e ampliare la nostra presenza negli ecosistemi Mobility, Welfare e Property”, aggiunge Matteo Laterza, direttore generale di Unipol. “Con Opening New Ways ci poniamo target, finanziari e industriali, importanti, uniti a una forte attenzione alla remunerazione degli azionisti e a un solido livello di capitale, come da tradizione del gruppo”.

Foto in copertina: Carlo Cibri, Presidente Unipol

Leggi anche Unipol: l’assemblea conferma Carlo Cimbri Presidente

Articoli correlati
News

Assicurazioni marittime: allarme crescente per il trasporto di macchine elettriche

Le navi non sono progettate per ridurre il pericolo di incendi causati dalle batterie al…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Francia: Axa costituisce una business unit per il mercato private

Nella nuova unità saranno concentrati asset private per circa € 20 miliardi Il gruppo francese…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Russia: Zurich vende la sua società ai dipendenti ed esce dal mercato

La filiale ha una raccolta di appena 34 milioni con una quota di mercato dello 0,3 per…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.