EsteroIn EvidenzaNews

Bermuda: mercato assicurativo raddoppiato nell’ultimo quinquennio

Gli asset in gestione sono passati dai $764 miliardi del 2016 ai $ 1410 miliardi del 2020

Tra il 2016 ed il 2020 il mercato assicurativo delle Bermuda ha raddoppiato la sua dimensione in termini di asset in gestione. Erano $764 miliardi nel 2016 e 5 anni più tardi lo stesso aggregato era lievitato a $1410 miliardi. I numeri di questa lusinghiera performance sono contenuti nell’ultimo report annuale della Bermuda Monetary Authority. Ugualmente significativo, anche se meno eclatante in percentuale, è stato l’incremento della raccolta netta passata nello stesso periodo da 133 a 208 miliardi di dollari. Agli stessi ritmi è cresciuto anche il patrimonio delle compagnie dai $ 298 miliardi del 2016 ai $ 350 miliardi del 2020.

Lo sviluppo dell’hub assicurativo delle Bermuda può essere considerato anche come una proxy del buon andamento del mercato assicurativo mondiale visto che l’isola attira nuovi capitali soprattutto quando l’industria delle polizze viaggia con il vento in poppa.

Contribuisce alla solidità del mercato anche lo standard raggiunto dalla regolamentazione.

La BMA – scrive The Royal Gazette – è considerata una struttura di regolamentazione leader a livello mondiale dalla National Association of Insurance Commissioners (NAIC), l’organismo statunitense che riunisce le autorità di regolamentazione.

La NAIC considera le Bermuda una giurisdizione qualificata, garantendo la continuità delle operazioni transfrontaliere dei riassicuratori delle Bermuda sul mercato statunitense.

Dal punto di vista normativo, ogni assicuratore che scrive affari a lungo termine è tenuto a presentare una dichiarazione antiriciclaggio.

Il Proceeds of Crime Act del 1997 e l’Antiterrorism (Financial and Other Measures) Act del 2004 stabiliscono un regime di segnalazione di attività sospette che prevede la comunicazione alla Financial Intelligence Agency della conoscenza o del sospetto di riciclaggio di denaro o di finanziamento del terrorismo.

Gli assicuratori sono tenuti a fornire alla BMA i dati necessari per determinare l’entità dell’esposizione o della potenziale esposizione dell’assicuratore ai rischi di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo. Gli assicuratori sono inoltre tenuti a fornire il quadro di governance aziendale dell’assicuratore, che comprende, a titolo esemplificativo, la formazione dei dipendenti, la conoscenza, l’integrità e la conformità alle politiche e alle procedure antiriciclaggio stabilite.

Leggi anche Mercato assicurativo globale in forte crescita nel 2021

Articoli correlati
EsteroNews

Giappone: AM Best alza l’outlook del mercato vita

Positive previsioni anche nella travel insurance con raccolta premi in aumento da 578 a 1.296…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: paese vulnerabile a cyber attacchi catastrofici

Il GAO raccomanda un migliore coordinamento tra il mercato assicurativo ed il TRIP, il programma…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Cyber: riscatto medio pagato negli attacchi ransomware quintuplicato in un anno

Secondo l’indagine di Sophos le imprese hanno pagato in media $812 mila nel 2021 Il 66% delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.