EsteroIn EvidenzaNews

Usa: assicuratori danni registrano perdite di sottoscrizione per $3 miliardi nel 2021

Il risultato negativo subito dalle compagnie nonostante un incremento dei premi di oltre il 9 per cento

Logo AM Best

Nonostante una crescita dei premi di oltre il 9%, gli assicuratori danni statunitensi subiranno per l’esercizio 2021 una perdita di sottoscrizione di 3 miliardi di dollari. Il “rosso” dell’attività caratteristica riflette le difficoltà di alcuni rami specifici, tra cui l’Rc auto dove le perdite hanno registrato un incremento del 24 per cento.

I risultati finanziari per il 2021 di ogni singolo ramo, insieme alle relative analisi, sono illustrati in dettaglio in un nuovo rapporto speciale dell’agenzia di rating Best, intitolato “Property/Casualty Snapshot: Insurers Navigate Pandemic and Elevated Secondary Perils” redatto sui dati comunicati dalle compagnie entro il 19 maggio scorso.

Il rapporto – scrive BestWire – rileva che la perdita di sottoscrizione nel 2021 ha fatto seguito a un guadagno di sottoscrizione di 4,4 miliardi di dollari nel 2020. Le perdite dovute a catastrofi sono rimaste elevate, aggiungendo otto punti al combined ratio (rapporto tra costi totali e premi) giunto in prossimità della soglia di profittabilità del 100% (99,5 per cento). “Le capacità di gestione del rischio aziendale degli assicuratori del ramo danni sono state messe a dura prova negli ultimi due anni – ha dichiarato David Blades, direttore associato del settore ricerca e analisi – I sottoscrittori del ramo property devono far fronte a rischi catastrofali primari e secondari che si sono ripercossi su tutto il mercato riassicurativo, mettendo ulteriormente sotto pressione i sottoscrittori di coperture per proprietari di case/agricoltori e di proprietà commerciali”.

Numerosi fattori specifici continuano a porre notevoli problemi ad alcuni rami assicurativi (Rc auto, Rc generale, responsabilità civile medica) . La gravità dei sinistri nei segmenti auto privata e auto commerciale non accenna a diminuire, con i sottoscrittori di auto privata che hanno registrato il secondo peggior risultato di sottoscrizione degli ultimi cinque anni. Sebbene la linea di responsabilità civile professionale medica abbia migliorato i propri risultati di sottoscrizione, il segmento ha comunque registrato una perdita di 834 milioni di dollari con un aumento dell’8% dei sinistri subiti. I costi dei sinistri continuano ad affliggere i rami di responsabilità civile generale, anche se anni di aumenti tariffari hanno consentito alle compagnie di limitare i danni. ”In tutto il settore, i costi dei sinistri, l’inflazione sociale e i ‘verdetti nucleari’ continuano a mettere sotto pressione i risultati”, ha dichiarato Christopher Graham, analista senior di AM Best. Con il termine di “verdetti nucleari” gli assicuratori definiscono quei sinistri i cui ammontari eccedono le somme che potrebbero essere ritenute ragionevoli e la cui entità è il frutto delle decisioni dei tribunali a compensare gli aspetti più propriamente emotivi di un sinistro. “Altre questioni come i disordini sociali, gli attacchi informatici e gli eventi climatici estremi hanno reso più difficile la definizione delle riserve di fine anno. Considerando anche l’inflazione e la possibilità di una recessione, nel 2022 la redditività di molti assicuratori danni potrebbe risentirne”.

Leggi anche Bermuda: mercato assicurativo raddoppiato nell’ultimo quinquennio

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: Biden propone riforma per assicurazione pubblica sulle inondazioni

La NFIP attualmente copre 5 milioni di americani ma ha accumulato un debito non più sostenibile di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: i big del capitalismo aiuteranno le donne ad abortire in polemica con la corte suprema

Le prese di posizione di molte grandi corporation dopo la dedizione del maggiore organo…
Leggi di più
Il MegafonoIn EvidenzaNews

Rc auto: meno reclami se le polizze le vendono gli agenti

Riccardo Sabbatini Se i reclami rappresentano una proxy sulla qualità del servizio assicurativo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.