EsteroIn EvidenzaNews

EU: Eiopa alle prese con i rischi “silenziosi”

Avviate due consultazioni sui rischi sistemici e sul cyber risk

Logo Eiopa

Alle prese con rischi emergenti di sempre maggiore intensità l’industria assicurative potrebbe essere costretta a limitare le sue esposizioni. Ma, se le clausole non sono spiegate con chiarezza ai consumatori, c’è un doppio rischio: per i consumatori quello di scoprire la mancanza di protezione nel momento del bisogno; per gli assicuratori quello che i nuovi rischi si insinuino in modo “silenzioso” nelle polizze costringendoli a coprire rischi sui quali non avevano intenzione di operare. È contro questo doppio pericolo – da notizia Public – che è sceso in campo Eiopa, il regulator europeo sulle polizze, avviando una doppia consultazione sui rischi sistemici e su quelli cyber.

Esiste un rischio crescente che i prodotti assicurativi diventino inaccessibili o non disponibili per eventi sistemici. Allo stesso tempo, i rischi che potrebbero essere originariamente coperti, o che rimangono “silenziosi”, potrebbero essere esclusi esplicitamente in futuro.

Tutto questo determina un “crescente pregiudizio” dei consumatori sui termini contrattuali ambigui e la mancanza di chiarezza sulla copertura delle perdite derivanti da tali eventi. L’obiettivo della dichiarazione di vigilanza è promuovere la convergenza in materia di vigilanza nel modo in cui le autorità nazionali competenti valutano il trattamento delle esclusioni nei contratti assicurativi derivanti da rischi a seguito di eventi sistemici. Le compagnie dovrebbero valutare se le esclusioni applicabili dalla copertura sono chiare e se vi è chiarezza contrattuale per gli assicurati.

In particolare se il rischio derivante da un evento sistemico diventa non assicurabile o non è chiaro se il rischio è coperto o meno, i produttori assicurativi sono tenuti a valutare i termini e le condizioni e l’ambito della copertura tenendo conto delle esigenze , obiettivi e caratteristiche del mercato di riferimento. Più in generale, quando vengono sviluppati nuovi prodotti, le esigenze, gli obiettivi e le caratteristiche del mercato di riferimento devono essere presi in considerazione rispetto alle esclusioni. La stessa filosofia di vigilanza ispira anche l’altra consultazione, dedicata ai cyber risk. Anche in questo caso l’authority si preoccupa di quelle esclusioni che potrebbero non essere chiare, soprattutto in relazione a polizze assicurative progettate senza prendere esplicitamente in considerazione il rischio informatico. Nel documento di consultazione, l’Eiopa raccomanda alle autorità nazionali competenti di dedicare maggiore attenzione alla valutazione da parte delle imprese di assicurazione dei termini e delle condizioni dei loro prodotti assicurativi.

Leggi anche Eiopa chiede alle compagnie di rendere pubblici i risultati degli stress test

Articoli correlati
EsteroNews

Giappone: AM Best alza l’outlook del mercato vita

Positive previsioni anche nella travel insurance con raccolta premi in aumento da 578 a 1.296…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: paese vulnerabile a cyber attacchi catastrofici

Il GAO raccomanda un migliore coordinamento tra il mercato assicurativo ed il TRIP, il programma…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Cyber: riscatto medio pagato negli attacchi ransomware quintuplicato in un anno

Secondo l’indagine di Sophos le imprese hanno pagato in media $812 mila nel 2021 Il 66% delle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.