EsteroNews

Il 50% dei punti di ricarica per auto elettriche in Europa si trova in Olanda e Germania

Secondo una nuova indagine condotta da Acea (Associazione europea dei produttori di automobili) la metà di tutti i punti di ricarica per auto elettriche presenti nell’Unione Europea sono concentrati in soli due Paesi: Paesi Bassi con 90.284 punti (29,4%) e Germania con 59.410 (19,4%).

Si tratta di dati aggiornati al 2021 che fotografano una situazione del tutto anomala, visto che i due Paesi occupano meno del 10% dell’intera superficie dell’UE.

L’altra metà di tutti i punti di ricarica è sparsa nei restanti 25 Paesi UE, coprendo il 90% della superficie della regione.

Insomma, c’è di che lamentarsi sulla distribuzione disomogenea delle ricariche pubbliche a livello continentale.

La terza posizione in classifica è occupata dalla Francia con 37.128 stazioni seguita da Svezia (25.197), Italia (23.543), dove il 57% circa delle infrastrutture sono distribuite al nord.

I Paesi con meno stazioni di ricarica sono Cipro (57), Malta (98), Lituania (207), Estonia (385) e Lettonia (420).

Il divario tra i Paesi in cima e quelli in fondo alla classifica UE è dunque enorme e sulla distribuzione delle infrastrutture, si nota una spaccatura tra i paesi dell’Europa centrale e orientale da un lato, e quelli dell’Europa occidentale dall’altro. Basti pensare alla Romania, circa sette volte più grande dei Paesi Bassi, che ha solo lo 0,4% di tutti i punti di ricarica dell’UE.

Nonostante negli ultimi cinque anni si sia registrato un forte aumento del numero di punti di ricarica nella Ue (+180%), il numero totale (307.000) è molto inferiore a quanto richiesto, osserva l’Acea.

L’associazione indica che entro il 2030 sarebbero necessari fino a 6,8 milioni di punti di ricarica pubblici per raggiungere la riduzione del 55% di Co2 proposta per le auto, il che corrisponderebbe a una crescita di oltre 22 volte in meno di 10 anni. Il regolamento sulle infrastrutture dei combustibili alternativi (Afir) – proposto dalla Commissione europea lo scorso anno – ha lo scopo di aiutare ad affrontare la situazione, tuttavia, il suo livello di ambizione è del tutto insufficiente. “Mentre alcuni Paesi stanno installando infrastrutture di ricarica in numero sufficiente, la maggior parte è in ritardo”, ha dichiarato il direttore generale di Acea, Eric-Mark Huitema, commentando il report. “Le forti disparità dimostrano la necessità di interventi forti che siano armonizzati in tutti gli Stati membri dell’UE. Esortiamo pertanto i responsabili politici a rafforzare le attuali strategie in modo che possa raggiungere l’obiettivo di costruire una fitta rete europea di stazioni di ricarica, che si estenda da nord a sud e da est a ovest”.

Leggi anche Oltre il 70% degli italiani orientato ad acquistare un veicolo elettrico

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: Biden propone riforma per assicurazione pubblica sulle inondazioni

La NFIP attualmente copre 5 milioni di americani ma ha accumulato un debito non più sostenibile di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: i big del capitalismo aiuteranno le donne ad abortire in polemica con la corte suprema

Le prese di posizione di molte grandi corporation dopo la dedizione del maggiore organo…
Leggi di più
Il MegafonoIn EvidenzaNews

Rc auto: meno reclami se le polizze le vendono gli agenti

Riccardo Sabbatini Se i reclami rappresentano una proxy sulla qualità del servizio assicurativo…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.