EsteroIn EvidenzaNews

Trend: la cancellazione dei voli sarà la “nuova normalità” secondo un report di Allianz Trade

Le compagnie non hanno incentivi ad aumentare il personale, una voce che pesa per il 25% sui loro ricavi

Nonostante aumenti medi dei prezzi del 22% le aviolinee si avviano a chiudere l’anno con nuove perdite per $9,7 miliardi

Le cancellazioni dei voli potrebbero diventare la “nuova normalità in Europa” poiché le compagnie aeree sono poco incentivate ad assumere e ad aumentare il personale in un periodo di aumento dei prezzi del carburante. E, corto di personale, le cancellazioni dei voli sono all’ordine del giorno anche per effetto dei nuovi contagi da covid-19

Un documento redatto da Allianz Trade – scrive Noticias Financieras – sottolinea che le compagnie aeree lottano per proteggere i margini in un contesto di aumento dei prezzi del carburante” dell’89% da un anno all’altro.

Dato che “i salari rappresentano il 25% dei ricavi (rispetto alla media globale del 19% degli altri settori economici), le compagnie aeree europee hanno pochi incentivi per affrontare la carenza di personale nel breve termine”.

Di conseguenza le tariffe aeree stanno salendo alle stelle in Europa. “Dopo anni di cali” lo studio stima che i prezzi aumenteranno del 21% entro il 2022, aggiungendo che “anche se questo farà crescere i ricavi del 102% su base annua nel 2022, ciò non sarà sufficiente a evitare un terzo anno consecutivo di perdite” di circa 9,7 miliardi di dollari (circa 9,4 miliardi di euro). La conclusione è che “le compagnie aeree europee non raggiungeranno il ‘break-even’ fino al 2023”.

A lungo termine, la transizione verde rappresenta un problema ancora più grave per le compagnie aeree “data la crescente concorrenza degli operatori ferroviari, che producono l’85% in meno di CO2 rispetto agli aerei e sono di proprietà dello Stato (cioè supportati finanziariamente negli investimenti)”.

Il rinnovo della flotta per consentirle il rispetto delle più stringenti norme ambientali “sarà costoso per un’industria il cui debito è cresciuto di 1,4 volte entro il 2020”. Le stime dello studio di Allianz trovano un riscontro in quanto sta avvenendo nelle ultime settimane quando si è verificata un’ondata di cancellazioni e interruzioni nell’operatività di compagnie aeree e aeroporti, soprattutto a causa della carenza di personale, in un contesto di rapida ripresa del trasporto aereo dopo la pandemia.

Leggi anche Australia: Allianz si dichiara colpevole sulle polizze viaggi

Articoli correlati
EsteroNews

Usa: Marsh accetta come pagamento dei suoi servizi anche crediti per la compensazione delle emissioni di carbonio e certificati di energia rinnovabile

La modalità di pagamento intende favorire la transizione verso energie rinnovabili Marsh, la…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: Collaborazione tra Google e Travelers per un “ecosistema di dati connessi”

Milioni di dati strutturati e non provenienti da più fonti attraverso Google Cloud arriveranno alla…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

USA: procuratore di New York avvia causa civile contro Trump per aver gonfiato il valore delle sue proprietà

L’artificio contabile avrebbe favorito l’ex presidente nell’ottenimento di prestiti e…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.