News

L’antidoto contro la sonnolenza al volante? Ascoltare la musica preferita e podcast

Secondo uno studio di Assurance Prevention la scelta della playlist musicale o del podcast aiuta a combattere meglio la sonnolenza

Molti automobilisti sottovalutano il rischio di affaticamento e sonnolenza durante un lungo viaggio. Tuttavia, i pericoli sono reali e la sonnolenza è la prima causa di incidenti mortali sulle autostrade francesi, come ricorda uno studio pubblicato da Assurance Prévention (associazione di France Assureurs, la federazione degli assicuratori francesi): nei 30 minuti successivi ai primi segnali di sonnolenza il rischio incidente aumenta di 3-4 volte.

Secondo l’analisi di Assurance Prevention, un conducente stanco concentra tutta la sua attenzione su un numero ridotto di compiti prioritari, come il mantenimento della giusta traiettoria. Ma quando l’affaticamento o la sonnolenza hanno il sopravvento e rallentano le sue capacità di reazione, il rischio s’impenna, così come cresce la possibilità di addormentarsi improvvisamente al volante, sull’onda delle normali vibrazioni dell’auto e dei rumori del traffico.

Secondo lo studio degli assicuratori francesi, un buon metodo per ridurre l’insorgere della sonnolenza è quello di scegliere una propria playlist musicale oppure un podcast, piuttosto che una trasmissione radiofonica.

Lo studio scientifico è stato condotto sotto la supervisione di uno psichiatra e aveva più precisamente l’obiettivo di misurare l’impatto di diversi tipi di stimolazione uditiva (rumore normale dall’abitacolo, musica imposta, musica casuale con pause pubblicitarie, musica scelta dall’automobilista e podcast) sull’insorgenza della sonnolenza nei conducenti. Si è creata una situazione di guida reale in autostrada utilizzando un simulatore omologato, con 97 partecipanti che hanno completato una sessione di guida della durata di 90 minuti, con le cuffie. Questi ultimi sono stati divisi in cinque gruppi, esposti a un diverso tipo di stimolazione uditiva.

Il risultato è stato molto chiaro e semplice: per ridurre il rischio sonnolenza, l’automobilista farebbe bene a scegliere la musica da ascoltare in viaggio, piuttosto che i programmi radiofonici preferiti oppure un podcast: “Tutto ciò che aiuta ad aumentare la nostra attenzione, la nostra consapevolezza, fa bene alla nostra guida e ai nostri riflessi al volante”, sottolinea Michel Lejoyeux, docente universitario di psichiatria e autore di ricerche internazionali che ha partecipato allo studio. “E’ utile essere accompagnati da suoni durante la guida. E alcuni suoni sono migliori di altri! I migliori sono quelli che ci piacciono di più, quelli che scegliamo: il podcast, il programma radiofonico con lo speaker che ci piace ascoltare, oppure la nostra musica preferita. Il nostro studio dimostra che l’ambiente sonoro stimola la nostra soglia di attenzione”.

Tuttavia, Assurance Prévention precisa che le stimolazioni sonore non sostituiscono i benefici di una vera e propria pausa, perché anche se hanno effetti benefici, non sono soluzioni miracolose: ritardano solamente l’insorgere della sonnolenza.

Pertanto, è essenziale una pausa di 15-20 minuti ogni due ore di guida o ai primi segni di affaticamento. L’opportunità di rilassarsi (aerare il veicolo, camminare e fare stretching, portare i bambini al parco giochi, ecc.), rimanere ben idratati e, naturalmente, scegliere la musica o il programma che accompagnerà la famiglia fino alla pausa successiva.

Leggi anche Al 60% gli italiani che si muove in città con mezzi alternativi all’auto/

Articoli correlati
In EvidenzaNews

Sara Assicurazioni: raccolta in aumento del 29,9% nel primo semestre 2022

Il risultato netto consolidato dei primi sei mesi risulta pari a 20,7 milioni di euro, in calo…
Leggi di più
EsteroNews

Corea del sud: le assicurazioni del gruppo Samsung acquistano asset alternativi per $650 milioni

L’investimento realizzato con Blackstone Dalla Corea giunge una nuova conferma…
Leggi di più
EsteroNews

Assicurazioni aeree: il contenzioso sugli aerei bloccati in Russia potrebbe durare anni

la questione riguarda 515 aeromobili per un valore di circa $10 miliardi Una recente legge russa…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.