News

Un italiano su tre è intenzionato a sottoscrivere una polizza sanitaria

Secondo l’Osservatorio Sanità di UniSalute, circa un terzo degli italiani è interessato a stipulare una polizza integrativa nei prossimi 12 mesi (32%), andandosi ad aggiungere al 30% che già ne ha una. Il vantaggio più apprezzato è la riduzione dei tempi di attesa, citata dal 43% delle persone

Gli anni di emergenza sanitaria hanno aumentato la sensibilità degli italiani sul tema salute e un numero crescente di persone si dice propenso a investire sul proprio benessere guardando alla tutela assicurativa: è quanto emerge dall’Osservatorio Sanità di UniSalute, secondo cui circa un terzo degli italiani è interessato a stipulare una polizza integrativa nei prossimi 12 mesi (32%), andandosi ad aggiungere al 30% che già ne ha una.

La ricerca, condotta con Nomisma su un campione di 1.200 persone, ha esplorato nel dettaglio il rapporto degli italiani con i prodotti che integrano la copertura offerta dal servizio sanitario nazionale. Il 30% di italiani già assicurati risulta costituito in larga parte da chi ha una polizza sanitaria inclusa nel contratto di lavoro (23%), mentre è ben più bassa la quota di chi ha sottoscritto personalmente una copertura di questo tipo (7%). In questo secondo caso, la sottoscrizione è avvenuta in genere in un’agenzia assicurativa, che risulta il canale nettamente più utilizzato (43%).

Ma quali sono le caratteristiche più apprezzate di una polizza sanitaria?

Al primo posto c’è il vantaggio di tagliare i tempi attesi per le prestazioni, citato dal 43% degli intervistati. Convince inoltre la possibilità di fare prevenzione con dei controlli specialistici (35%): sotto questo punto di vista, quattro italiani su dieci (40%) preferiscono una polizza che copra anche prestazioni di prevenzione, come screening ed esami specialistici, dichiarandosi ben disposti a spendere una somma mensile per una copertura di questo tipo. Apprezzata anche la copertura dell’intero nucleo familiare dell’intestatario (34%.)

La ricerca di UniSalute si è concentrata infine su alcuni servizi aggiuntivi che possono essere inclusi in una polizza sanitaria integrativa: il più interessante, secondo gli italiani, è costituito dall’assistenza sanitaria a domicilio (72%), seguita dalla disponibilità di un consulto telefonico con un medico tutti i giorni e a qualsiasi orario (63%). Piace molto anche la possibilità di avere inclusi dei dispositivi wearable per il monitoraggio della propria salute, un benefit considerato utile o estremamente utile dal 59% degli intervistati.

Leggi anche Covid: un terzo degli italiani riflette sull’acquisto di una polizza sanitaria integrativa

Articoli correlati
News

Antonio Scognamillo e Francesco Fasanotti sono i nuovi Chief Distribution & Marketing Officer e Chief Financial Officer di Area Brokers Industria

Si consolida il percorso di crescita della società di brokeraggio guidata da Lorenzo…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Ivass: -2,1% il prezzo medio effettivo della garanzie Rc auto nel secondo trimestre a 353 euro

Si restringe forbice territoriale, tra Napoli e Aosta è ora di 250 euro Il tasso di penetrazione…
Leggi di più
In EvidenzaNews

In leggera flessione i risultati di HDI Assicurazioni nel primo semestre

La raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 755,1 milioni di euro (-15,8% rispetto agli 896,5…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.