EsteroIn EvidenzaNews

USA: informazioni misleading costano care a Equitable Life e AM Trust

Equitable life multata dalla Sec per $50 milioni

Amtrust paga $ 14 milioni per una class action

Aver diffuso informazioni ingannevoli ai propri investitori è costato caro caro a due importanti compagnie statunitensi, Equitable Life e Am Trust. La prima – riferisce Bestwire – pagherà $ 50 milioni a circa 1,4 milioni di investitori con rendita variabile che sono stati vittime di uno schema di frode sanzionato dalla Sec. Secondo l’authority di borsa Usa almeno dal 2016 Equitable ha dato agli investitori, per lo più insegnanti e impiegati, la falsa impressione che i loro estratti conto trimestrali elencassero tutte le tasse pagate. Invece la SEC ha rilevato che le dichiarazioni in realtà elencavano solo alcuni tipi di commissioni che gli investitori sostenevano raramente. Il più delle volte, le dichiarazioni elencavano zero commissioni, ha affermato la SEC.

“Quando si considera come investire i loro sudati guadagni e risparmiare per la pensione, è essenziale che gli investitori non siano fuorviati sulle commissioni che stanno pagando”, ha affermato Gurbir S. Grewal, capo del dipartimento sanzionatorio della Sec. “Questo caso dovrebbe servire come un importante promemoria alle società di investimento per rivedere attentamente le loro dichiarazioni così da garantire che le informazioni sulle commissioni siano divulgate correttamente”.

“Non siamo stati all’altezza dei nostri standard elevati e i nostri clienti si aspettano di più da noi”, ha detto a BestWire un portavoce di Equitable. “Ci impegniamo a imparare da questo, migliorando continuamente l’esperienza dei nostri clienti e fornendo sempre comunicazioni chiare e trasparenti”.

La sanzione arriva dopo AmTrust Financial Services ha recentemente accettato di pagare ad una classe di suoi investitori 13 milioni di dollari per saldare le accuse che li ha indotti in errore sul fatto che le sue azioni privilegiate sarebbero rimaste quotate anche in seguito al delisting delle azioni ordinarie. I fatti risalgono al 2018 quando la società rassicurò ripetutamente gli investitori che le azioni privilegiate non sarebbero state coinvolte dalla fusione con Stone Point Capital che ha portato al delisting delle sue azioni ordinarie. All’indomani della fusione, invece, Amtrust ha cambiato idea togliendo dalla borsa anche le azioni privilegiate che hanno perso il 40% del loro valore. A quel tempo la compagnia spiegò che i costi e gli oneri amministrativi associati al mantenimento della quotazione sulla borsa di New York superano i benefici” e che vi era una nuova “struttura proprietaria” dovuta alla fusione. Ma questo non ha impedito agli investitori di coalizzarsi, avviare una class action e ottenere soddisfazione.

Leggi anche Informazioni assicurative ai consumatori, Usa e Italia a confronto

Articoli correlati
News

Antonio Scognamillo e Francesco Fasanotti sono i nuovi Chief Distribution & Marketing Officer e Chief Financial Officer di Area Brokers Industria

Si consolida il percorso di crescita della società di brokeraggio guidata da Lorenzo…
Leggi di più
In EvidenzaIVASSNews

Ivass: -2,1% il prezzo medio effettivo della garanzie Rc auto nel secondo trimestre a 353 euro

Si restringe forbice territoriale, tra Napoli e Aosta è ora di 250 euro Il tasso di penetrazione…
Leggi di più
In EvidenzaNews

In leggera flessione i risultati di HDI Assicurazioni nel primo semestre

La raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 755,1 milioni di euro (-15,8% rispetto agli 896,5…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.