In EvidenzaNews

E-bike, scooter sharing e monopattini. Le nuove forme di mobilità urbana ampliano il mercato assicurativo

Nel primo semestre 2022 chi ha utilizzato mezzi di mobilità alternativa lo ha fatto, nel 39% dei casi, per una maggiore flessibilità oraria, per spostarsi più rapidamente nel traffico e per risparmiare su benzina, ZTL e parcheggi

Nuovi utenti della strada per nuove forme di mobilità urbana e nuovi prodotti assicurativi. È questo il filo sottile che lega il mondo delle polizze ai giovani che scelgono le due ruote per spostarsi in città, tra biciclette tradizionali e a pedalata assistita, scooter fino ai monopattini e al “bike e scooter sharing”.

Al netto del costante successo dei motocicli negli ultimi anni, la conferma arriva dai numeri di mercato (e-bike a +5% nel 2021 dopo il boom dell’anno precedente e oltre 1,6 milioni di bici tradizionali vendute), dalla crescente diffusione delle opportunità di sharing e dalla presenza di monopattini nelle città (2,5 milioni di pezzi circolanti in Italia).

L’insurtech milanese 24hassistance ha provato a tracciare il profilo dei nuovi utenti delle due ruote. Ne è risultato che circa il 40% dei propri clienti ha iniziato a utilizzare, già dal 2020, nuovi mezzi di mobilità urbana per gli spostamenti in aggiunta o in alternativa all’auto e ai mezzi pubblici: di questi il 61% li usava più di due volte alla settimana.

Percentuali che sono oggi cresciute rispettivamente fino al 60% e al 72%.

Si tratta in egual misura di uomini e donne giovani, tra 18 e 34 anni, che preferiscono muoversi in città con mezzi di micromobilità e mobilità dolce (45% di scooter sharing elettrici, 30% bici, 25% monopattini).

Le motivazioni principali di questa scelta sono cambiate rispetto ai tempi della pandemia, quando l’unica ragione era il distanziamento sociale nel 60% dei casi.

Nel primo semestre 2022 chi ha utilizzato mezzi di mobilità alternativa lo ha fatto, nel 39% dei casi, per una maggiore flessibilità oraria, per spostarsi più rapidamente nel traffico e per risparmiare su benzina, ZTL e parcheggi.

Numeri e dati che hanno allargato anche il mercato delle polizze, favorendo la nascita di nuove soluzioni. Ad esempio, la stessa 24hassistance ha lanciato negli ultimi mesi due prodotti inediti proprio per incontrare la nuova domanda di mobilità: Multimobility, la prima polizza in Italia che tutela i conducenti di bici, e-bike e mezzi per la micromobilità elettrica di proprietà o in sharing offerta proprio da 24hassistance e Bikeplatinum, assicurazione che protegge la bici dal furto, anche quando parcheggiata in strada. Due offerte assicurative impensabili fino a poco tempo fa, a testimonianza di una reale trasformazione della mobilità cittadina che ha di fatto aperto scenari inediti anche sul fronte della convivenza urbana e, soprattutto, della sicurezza.

Leggi anche Al 60% gli italiani che si muove in-citta con mezzi alternativi all’auto

Articoli correlati
EsteroNews

Il governo tedesco valuta di aprire le porte all’impiego degli eFuel

Il Ministro Lindner ha chiesto a Blume Vw “supporti argomentativi” L’IEA (Agenzia…
Leggi di più
News

Aviva va veloce

Il gruppo assicurativo inglese ha infatti registrato un utile operativo di 829 milioni di sterline…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Lokky, l’insurtech italiana per PMI e freelance ha avviato una campagna di equity crowdfunding per attrarre nuovi investitori

Tra gli investitori c’è anche il fondo Azimut Eltif – Venture Capital ALIcrowd II Il…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.