News

Il turismo italiano rischia di perdere 1,2 milioni di passeggeri e 800 milioni di euro

Lo stima Assoturismo alla luce del caos negli aeroporti e dei voli cancellati

La prima estate senza restrizioni rischia di trasformarsi in un incubo per il settore del turismo. Il caos che continua a imperversare negli aeroporti ha già fatto scattare l’allarme in molti viaggiatori e secondo le stime di Assoturismo se l’incertezza dei voli aerei dovesse durare fino ad agosto, il turismo italiano rischia di perdere 1,2 milioni di passeggeri e 800 milioni di fatturato solo per i servizi turistici a terra non più usufruiti dai viaggiatori.  Fino ad ora, spiega la federazione delle imprese turistiche, “grazie al grande lavoro svolto dalle agenzie di viaggio e dai tour operator, il sistema turistico ha retto senza eccessivi contraccolpi cancellazioni e disservizi, riuscendo quasi sempre a garantire alternative ai passeggeri dei voli annullati. Ma siamo al limite: se la situazione di caos dovesse andare avanti anche in agosto, quando è più complicato riproteggere i passeggeri su altri voli, correremmo il rischio effettivo di annullamento di tutti gli altri servizi prenotati a destinazione, sia in Italia sia all’estero. Anche perchè le compagnie low cost, quelle che stanno soffrendo maggiormente la carenza di personale e le più colpite dagli scioperi, hanno il 67% dei posti disponibili sui voli diretti in Italia”. E se le ripercussioni economiche dei disservizi sono materia per le polizze assicurative dei “pacchetti”, rimane più complicata la soluzione per i passeggeri “fai da te”. E’ plausibile immaginare che, se la situazione di criticità dovesse prolungarsi anche per il mese di agosto, i passeggeri possano cambiare destinazione o addirittura rinunciare al volo, in un contesto in cui le tariffe sono aumentate in maniera significativa.

Assoturismo osserva come il numero di passeggeri in Italia ad agosto abbia sempre superato i 20 milioni (circa 70% internazionali). Anche immaginando una quota di rinuncia tra il 6% e il 7%, pari ad almeno 1,2 milioni di passeggeri, la perdita complessiva di fatturato per i servizi turistici a terra potrebbe attestarsi sugli 800 milioni di euro, ai quali si aggiungerebbero gli indennizzi ai passeggeri per i ritardi e le cancellazioni dei voli, le richieste di risarcimento danni e i mancati ricavi delle compagnie aeree. “Il problema sembra dunque originato – osserva la federazione – dalla forte ripresa dei viaggi, ampiamente preannunciata, che ha fatto registrare un’impennata delle vendite dei posti sugli aeromobili delle compagnie aeree. A ciò non è seguito l’adeguamento delle flotte, dei piloti, del personale di bordo, di terra, sia dei vettori sia degli aeroporti. Una mancanza di programmazione e di coordinamento che non ha permesso la gestione ordinata di un afflusso enorme di persone”.

Leggi anche La crisi cambia il modo di viaggiare degli italiani

Articoli correlati
In EvidenzaNews

Da Reale Foundation e Aicr Onlus un aiuto concreto alle comunità marchigiane colpite dall’alluvione

Per far fronte ai danni causati dall’alluvione Reale Foundation, la Fondazione Corporate di Reale…
Leggi di più
EsteroNews

USA: Uragano Ian banco di prova per i riassicuratori

In base ad un programma statale le compagnie dirette riceveranno $2 miliardi per le perdite subite…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Svizzera: IFRS17 avrà effetti limitati sugli utili di Zurich

Il gruppo stima le conseguenze nel nuovo principio contabile che entrerà in vigore con il…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.