In EvidenzaNews

Samuele Marconcini è il nuovo amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni

Sostituisce il dimissionario Carlo Ferraresi che assumerà il ruolo di Group Chief Risk Officer nella capogruppo Assicurazioni Generali

Intanto Generali sale al 97,36% di Cattolica e procede con lo “Squeese Out”

Logo Cattolica

Cambio al vertice di Cattolica Assicurazioni. Carlo Ferraresi ha infatti rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di consigliere e amministratore delegato di Cattolica Assicurazioni per assumere, a partire dal prossimo 1° settembre 2022, il ruolo di Group Chief Risk Officer nella capogruppo Assicurazioni Generali, posizione incompatibile con l’incarico ricoperto finora. Farreresi cessa ogni rapporto di lavoro con la compagnia veronese e abbandona anche tutte le cariche detenute nelle società controllate da Cattolica.

Alla luce delle dimissioni di Ferraresi il cda di Cattolica ha nominato per cooptazione Samuele Marconcini che dall’inizio del mese di settembre assumerà la guida della società, come amministratore delegato e direttore generale.

Attualmente Marconcini è vice direttore generale e Coo della società, amministratore delegato di Cattolica services, presidente di Cattolica Beni Immobili e vice presidente di Tua Assicurazioni.

Sono onorato per questo nuovo incarico che il cda ha voluto conferirmi”, ha dichiarato Marconcini. “In questi anni ho potuto conoscere e apprezzare le qualità di Cattolica e delle sue persone e sono certo, anche in questa nuova veste, che potrò contare sull’impegno e sulla dedizione di tutti per affrontare le sfide future. Una delle nostre priorità sarà portare a termine il processo di integrazione con Generali, che è stato positivamente avviato da tempo, ma che ha ancora importanti passi da compiere”.

Il cda ha, inoltre, conferito mandato al presidente, con il supporto delle strutture aziendali deputate, per trattare con Ferraresi i relativi termini economici di uscita, in linea con le vigenti politiche di remunerazione.

“Voglio ringraziare tutte le persone di Cattolica per l’impegno e la professionalità con le quali hanno assecondato il cambiamento e l’evoluzione aziendale, anche di fronte a sfide epocali come la pandemia, riuscendo allo stesso tempo a mantenere il legame con le comunità e i territori che sono da sempre, assieme alla nostra Rete Agenziale, uno dei punti di forza di Cattolica”, ha aggiunto Ferraresi. “Sono certo che Samuele Marconcini proseguirà questo virtuoso cammino. A lui vanno i miei migliori auguri per un futuro all’insegna di nuovi successi”.

Dopo aver conseguito la Laurea in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Firenze nel 1992, Marconcini prosegue gli studi in Marketing and Communication alla Berkeley University in California. Tornato a Firenze consegue un master in Communication and Media. Frequenta poi un Master Executive presso la School of Management della SDA Bocconi. Dopo gli studi, nel 2002 approda alla ING come interim manager, lavorando come project leader dell’Insurance Action Plan con l’obiettivo di incrementare le performance di vendita della rete nel settore assicurativo. Dal 2003 al 2007 passa in Watson Wyatt Worldwide, come senior consultant of segment finacial insitutions. Nel 2007 entra in Banca Italease come head of resources management and development, prima di passare nel 2010 in Alba Leasing come HR & Operations Director. In Cattolica entra nel 2015 ricoprendo il ruolo di human resources organization director e dal 2017 è consigliere di Cattolica Immobiliare e Cattolica Services. Ricopre ruoli sempre di maggior prestigio fino ad essere nominato amministratore delegato di Cattolica Services nel 2020 e presidente di Cattolica Beni Immobili nel 2021. Dal 2020 inoltre ricopre il ruolo di chief operating officer di Cattolica Assicurazioni.

Intanto, per Cattolica Assicurazioni si avvicina l’addio a Piazza Affari dopo che Generali è salita fino al 97,36% del capitale sociale, in seguito alla procedura per l’assolvimento dell’obbligo di acquisto (conseguente al superamento della soglia del 90%).

Concluso il periodo di presentazione delle richieste di vendita, ora Generali eserciterà il diritto di acquisto sulle azioni ordinarie di Cattolica ancora in circolazione e adempirà all’obbligo di acquisto. La procedura avrà ad oggetto 6.031.657 azioni ordinarie di Cattolica residue ancora in circolazione, pari al 2,64% del capitale sociale di Cattolica (sempre al corrispettivo di 6,75 euro l’una). Il controvalore complessivo della procedura sarà pari a circa 40.713.684 euro.

Circa la revoca dalla quotazione e negoziazione delle azioni di Cattolica, Borsa Italiana disporrà la sospensione della quotazione sull’Euronext Milan nelle sedute del 10 e 11 agosto 2022, mentre la quotazione sarà revocata a partire dalla seduta del 12 agosto 2022.

Standard & Poor’s ha confermato, proprio venerdì scorso, il rating di Cattolica ad “A”, adeguando invece l’outlook, secondo quanto previsto dai criteri dell’agenzia, a quello del debito sovrano della Repubblica Italiana, che in data 26 luglio 2022 è stato rivisto da “positive” a “stable”.

Foto in copertina: Samuele Marconcini

Leggi anche Il CDA di Cattolica sceglie Stefano Gentili come vicepresidente

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: pagati risarcimenti per £1,5 miliardi per interruzione dell’attività in seguito a covid-19

La stima viene dalla Fca che ha analizzato gli effetti della sentenza emessa nel 2021 dalla Corte…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Pet insurance: il mercato previsto in forte crescita nei prossimi anni

La dimensione globale crescerà dagli attuali $8,1 a $32 miliardi entro il 2030 ad un tasso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: warning Eiopa su polizze CPI

I risarcimenti sono inferiori al 30% dei premi lordi pagati dai consumatori L’Eiopa ha…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.