News

Aon prevede un’attività sostenuta delle operazioni di M&A

Gli esperti del settore prevedono una ripresa sostenuta delle operazioni di M&A nel Tech in scia alla pandemia di Covid-19, anche se persistono dei fattori sfavorevoli

Tecnologia, media e telecomunicazioni sono il settore più prolifico in termini di operazioni previste per i prossimi 12 mesi

Logo AON

Aon plc e Mergermarket, fornitore di informazioni, dati e analisi sulle fusioni e acquisizioni a livello mondiale, hanno diffuso l’ultima edizione del report “M&A Risk in Review” che sottolinea come la ripresa delle operazioni di M&A dello scorso anno potrebbe essere sostenuta, seppure non ai livelli record del 2021.

Le prospettive sono particolarmente promettenti per le M&A nel settore del Tech, Media e Telecomunicazioni (TMT), con quasi tre quarti degli intervistati (70%) che indicano il TMT come il settore più prolifico in termini di transazioni previste per i prossimi 12 mesi, di gran lunga la quota maggiore. Il dato è nettamente superiore a quello del settore farmaceutico, medico e biotecnologico (PMB), con il 44%.

All’estremo opposto, il 54% degli intervistati ritiene che le operazioni di fusione e acquisizione saranno meno attive nel settore dell’energia, dell’estrazione mineraria e dei servizi di pubblica utilità (UEM), a causa delle sfide legate alla riduzione della domanda di materie prime e alla volatilità del mercato delle commodity.

L’incertezza geopolitica in cima alla lista dei timori dei dealmaker

Dall’aumento degli investimenti in tecnologia e per la due diligence finanziaria, alla crescente importanza degli standard ambientali, sociali e di governance (ESG), emergono tendenze e priorità per gli investitori che cercano di navigare nelle incertezze relative al contesto geopolitico, ai regolamenti governativi e ai disagi causati dalla pandemia. Il report rileva che più della metà dei dealmaker (54%) teme l’impatto dell’incertezza geopolitica.

È più probabile che le operazioni di fusione e acquisizione in Europa subiscano un impatto significativo rispetto alle operazioni in altri mercati, ma il sentiment influenzerà tutto il mondo.

Si stanno affermando anche altri rischi, tra cui la dislocazione o l’interruzione del mercato (50%), il quadro macroeconomico (34%), il rischio legislativo/normativo (28%) e il rischio tecnologico/cyber (26%).

In compenso, solo il 26% cita la pandemia di COVID-19 come uno dei tre rischi più significativi che la propria organizzazione dovrà affrontare nei prossimi 12 mesi.

L’ESG è sotto esame a causa delle preoccupazioni ambientali 

Dal rischio di cambiamento climatico alle questioni sociali, le considerazioni ESG continueranno a svolgere un ruolo importante in ogni transazione M&A. In particolare, il 90% degli intervistati prevede un aumento dell’attenzione sulle operazioni per le implicazioni ESG nei prossimi tre anni, e quasi la metà (48%) ritiene che l’aumento sarà significativo.

Per quanto riguarda la regolamentazione, il 42% dei dealmaker cita le questioni ambientali come una preoccupazione. Oltre all’ESG, i dealmaker devono anche affrontare questioni come il rischio della catena di fornitura e la sicurezza dei dati e delle informazioni durante i processi di investimento.

“Anche dopo l’ultimo periodo, che ha visto un record di operazioni di M&A, i dealmaker hanno mantenuto un accesso stabile alla liquidità a livelli senza precedenti”, ha affermato Alistair Lester, global co-Ceo of M&A and Transaction Solutions di Aon. “Si trovano però di fronte ad ostacoli importanti e a nuove forme di volatilità, tra cui l’incertezza geopolitica, che porta all’inflazione e all’aumento dei tassi di interesse, l’accelerazione dell’economia digitale, un panorama fiscale in continua evoluzione, sofisticate minacce cyber, valutazioni più approfondite dei programmi ambientali, sociali e di governance e un mercato dei talenti ambizioso, che mette sotto pressione i programmi di assunzione e l’integrazione”.

Leggi anche Global Market Insights Report di Aon

Articoli correlati
EsteroNews

Catastrofi naturali: Verisk stima perdite annuali di molto superiori ai $ 100 miliardi

Nel 2022 attese perdite per $126 miliardi L’incremento dei risarcimenti dovuto più…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: FCA chiede agli assicuratori di non vendere componenti aggiuntivi delle polizze non necessari

L’invito fa parte di una moral suasion dell’authority per punta a aiutare gli assicurati in un…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Blackrock: sempre più investimenti private e ESG nei bilanci degli assicuratori

Il gruppo di asset management ha intervistato 370 investitori assicurativi con asset in gestione per…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.