EsteroNews

Il governo tedesco valuta di aprire le porte all’impiego degli eFuel

Il Ministro Lindner ha chiesto a Blume Vw “supporti argomentativi”

L’IEA (Agenzia internazionale per l’energia) prevede che nel 2030 solo il 12% delle auto saranno dotate di motore elettrico, cioè circa 230 milioni. Il resto dei trasporti farà ancora affidamento sui motori termici. Insomma il processo di elettrificazione del è più complessa del previsto. Anche per questo la Commissione Europea il 13 luglio ha aperto la possibilità di utilizzare carburanti sintetici dopo il 2035, dead line della produzione di auto a motore termico.

L’eFuel sostenibile al 100% spinge la riduzione di emissioni di carbonio integrandosi all’infrastruttura di veicoli elettrici. In questo carburante, il carbonio viene ricavato da CO2 atmosferico mentre l’idrogeno da elettrolisi di acqua per mezzo di energia rinnovabile. Il veicolo che lo usa, emette dal tubo di scarico lo stesso CO2 atmosferico. Nessuna fonte fossile è usata.

Il governo tedesco sta considerando con molta attenzione la materia e potrebbe nei prossimi mesi aprire le porte alle soluzioni alternative alla elettrificazione massiva della mobilità e in particolare degli e-Fuel, influenzando di conseguenza quello dei parlamentari di Bruxelles.

Lo conferma il fatto che Il ministro delle finanze Christian Lindner ha chiesto al Ceo di Volkswgen AG Porsche Oliver Blume un “supporto argomentativo” sui carburanti sintetici.

Lo riferisce il quotidiano Handelsbaltt precisando che Lindner ha scritto a Blume pensando che sarebbe ora opportuno che un’altra voce sottolineasse il potenziale dei combustibili sintetici.

Lindner aveva in precedenza respinto i piani del nuovo Governo tedesco che prevedono di vietare le nuove immatricolazioni per i motori a combustione dal 2035, ma con eccezioni per le auto che possono essere utilizzate con e-Fuel.

Non più tardi di una settimana fa, il Ceo della casa automobilistica tedesca aveva dichiarato che Volkswgen ha in programma di esplorare tecnologie alternative con carburanti sintetici e sostenibili, i cosiddetti e-fuel, da utilizzare in normali motori endotermici. Blume ha precisato che questa strada sarà percorribile solo se gli e-fuel verranno prodotti in maniera industriale in modo che il loro prezzo possa essere davvero competitivo. 

Leggi anche Le grandi case automobilistiche a caccia di litio

Articoli correlati
News

Wide Broker Market, l’evento firmato Wide Group per il confronto tra broker e partner assicurativi

Due tavole rotonde hanno caratterizzato l’appuntamento: la prima dedicata al ruolo degli…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sara Assicurazioni e la rappresentanza Agenti del GAS (Gruppo Agenti Sara) siglano l’accordo dati e integrativo

L’intesa è stata siglata il 22 settembre alla presenza di Alberto Tosti, direttore generale di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Area Brokers Industria rileva il 100% di Mab

“L’operazione di acquisizione di MAB S.r.l. ci permette di aprire su una piazza strategica…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.