In EvidenzaNews

Morì durante un rapporto di sesso sadomaso. Dieci anni dopo le assicurazioni chiamate a riconoscere un indennizzo di 42.000 euro

Secondo una sentenza del Tribunale di Trento fu incidente, non suicidio. Assimoco e Itas dovranno risarcire i familiari

Nel 2012 un giovane trentino di 37 anni morì a causa di un incidente mentre era impegnato in una pratica sadomaso, “breath control”, cioè controllo del respiro, con la donna che frequentava nel corso di una relazione extraconiugale.

A dieci anni di distanza dal tragico evento due compagnie di assicurazioni, Assimoco e Itas sono state chiamate a riconoscere ai familiari (la moglie e i due figli) un indennizzo che ammonta complessivamente a 42.000 euro, secondo quanto previsto dalle polizze stipulate a suo tempo dall’uomo.

Le due compagnie si erano inizialmente opposte al pagamento dell’indennizzo. “Così abbiamo avviato una prima causa contro Assimoco spa e il Tribunale di Milano ci ha dato ragione”, hanno dichiarato all’Ansa Michele De Bona e Maurizio Cibien, responsabili di Giesse Risarcimento Danni a Trento. Forti di quel primo risultato ci si è rivolti alla seconda compagnia, Itas, per ottenere l’altro indennizzo. Anche in questo caso, il Tribunale di Trento ha dato ragione ai familiari del trentasettenne.

Secondo quanto ricostruito nel corso del contenzioso, qualcosa andò storto durante la pratica di “breath control” che comporta il controllo e la limitazione dell’ossigeno al cervello: l’interesse sessuale viene indicato col termine “asfissiologia” e ha lo scopo di portare il soggetto in apnea.

Questa pratica comporta una vera e propria azione manuale di soffocamento attuata stringendo la carotide ma anche attraverso strumenti di vario tipo quali specifiche maschere in latex ma anche con mezzi più rudimentali quali sacchetti di plastica applicati direttamente sulla testa del soggetto che vengono fissati al collo mediante elastici o corde per impedire ogni accesso di aria.

Per il Tribunale di Trento la morte dell’uomo non è stata “frutto di una scelta suicidaria, ma diretta conseguenza di un grave infortunio e pertanto rientrante nella copertura assicurativa.

Leggi anche Torino dentista morto di covid si all’indennizzo della polizza infortuni

Articoli correlati
News

Wide Broker Market, l’evento firmato Wide Group per il confronto tra broker e partner assicurativi

Due tavole rotonde hanno caratterizzato l’appuntamento: la prima dedicata al ruolo degli…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Sara Assicurazioni e la rappresentanza Agenti del GAS (Gruppo Agenti Sara) siglano l’accordo dati e integrativo

L’intesa è stata siglata il 22 settembre alla presenza di Alberto Tosti, direttore generale di…
Leggi di più
In EvidenzaNews

Area Brokers Industria rileva il 100% di Mab

“L’operazione di acquisizione di MAB S.r.l. ci permette di aprire su una piazza strategica…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.