EsteroIn EvidenzaNews

GB: la guerra in Ucraina costa £1,1 miliardi ai Lloyd’s

La somma accantonata nei conti della semestrale che si è chiusa registrando una perdita di £1,8 miliardi

Una tantum di £2500 sterline concessa ai dipendenti con redditi inferiori a £75mila per compensarli dell’aumento del costo della vita

I Lloyd’s hanno accantonato 1,1 miliardi di sterline per i danni causati dalla guerra in Ucraina, principalmente a causa di aerei e carichi non recuperabili legati alle conseguenze del conflitto. Il dato – scrive The Guardian – è emerso nella relazione semestrale del mercato londinese che, nel complesso, mostra una perdita complessiva ante imposte di 1,8 miliardi di sterline, contro un utile di 1,4 miliardi di sterline dell’anno precedente.

Il presidente dei Lloyd’s Bruce Carnegie-Brown ha detto che per la guerra in Ucraina è stata utilizzata la stessa metodologia adottata per la pandemia, anche se finora sono state ricevute solo il 4% delle richieste di risarcimento per le perdite stimate dalla guerra. In confronto la pandemia è stata molto più costosa per il mercato dei Lloyd’s, dove operano 76 compagnie, con un valore di 3,5 miliardi di sterline. Nel complesso, secondo le stime del settore, la guerra in Ucraina potrebbe costare al settore assicurativo mondiale da 10 a 12 miliardi di sterline.

I Lloyd’s hanno collaborato con il governo britannico per l’attuazione delle sanzioni imposte per la guerra, compresa la cancellazione della copertura assicurativa sulle imprese russe. Allo stesso tempo, assicurano le navi che trasportano grano dai porti ucraini, in base a un accordo siglato dalle Nazioni Unite a luglio, fino a un limite di 500 milioni di dollari (433 milioni di sterline).

“Queste esportazioni di grano sono destinate ai Paesi emergenti e a quelli più vulnerabili alla carestia a causa della carenza di cibo. Le prime navi stanno attraccando in Africa orientale proprio in questi giorni”, ha dichiarato Carnegie-Brown al Guardian.

Queste esportazioni sono su navi che sono bloccate in Ucraina. La questione chiave sarà se le persone saranno disposte a tornare nel Mar Nero per raccogliere altre esportazioni di grano. Il tempo ce lo dirà, ma per ora i risultati sono buoni”.

Con l’aggravarsi dell’inflazione, l’azienda pagherà una tantum 2.500 sterline a circa 1.000 dipendenti che guadagnano meno di 75.000 sterline all’anno, il 60% dell’organico, per aiutarli a far fronte all’impennata delle bollette energetiche e alimentari.

Nonostante le perdite per l’invasione dell’Ucraina e le richieste di risarcimento per inondazioni in Australia e in Europa, i Lloyd’s hanno migliorato l’utile di sottoscrizione a 1,2 miliardi di sterline nei primi sei mesi dell’anno, rispetto ai 960 milioni di sterline dell’anno precedente. Il bilancio in rosso dipende per intero da perdite sugli investimenti per 3,1 miliardi di sterline, causate dall’aumento dei tassi di interesse.

Leggi anche UE: la guerra della Russia peggiora le prospettive economiche

Articoli correlati
EsteroNews

Catastrofi naturali: Verisk stima perdite annuali di molto superiori ai $ 100 miliardi

Nel 2022 attese perdite per $126 miliardi L’incremento dei risarcimenti dovuto più…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

GB: FCA chiede agli assicuratori di non vendere componenti aggiuntivi delle polizze non necessari

L’invito fa parte di una moral suasion dell’authority per punta a aiutare gli assicurati in un…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Blackrock: sempre più investimenti private e ESG nei bilanci degli assicuratori

Il gruppo di asset management ha intervistato 370 investitori assicurativi con asset in gestione per…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.