EsteroNews

USA : fondi pensione di New York all’attacco di Starbucks per i diritti sindacali negati

Assieme ad altri azionisti della catena di bar hanno chiesto una valutazione indipendente sulle condotte della società

Una coalizione di investitori di Starbucks ha presentato una proposta agli azionisti chiedendo una valutazione da parte di terzi sull’impegno dichiarato dall’azienda nei confronti della libertà di associazione dei lavoratori e dei diritti di contrattazione collettiva, citando numerose accuse di interferenza dell’azienda con tali diritti. Lo riferisce MarketWatch precisando che gli investitori, guidati dai fondi pensione della città di New York, hanno contestato “l’evidente disallineamento tra gli impegni pubblici di Starbucks e la sua condotta dichiarata”. Gli uffici regionali del National Labor Relations Board – hanno fatto presente – hanno emesso almeno 20 denunce contro Starbucks per centinaia di accuse di violazioni dei diritti del lavoro, tra cui riunioni con pubblico vincolato, sorveglianza, ritorsioni, intimidazioni e licenziamenti, nonché l’esclusione dei dipendenti sindacalizzati da aumenti di stipendio e benefit.

Quando le aziende ignorano e si oppongono palesemente al diritto fondamentale dei loro dipendenti di organizzarsi, mettono a rischio la loro reputazione”, ha dichiarato il Controllore della città di New York Brad Lander in un comunicato stampa. “Per un’azienda incentrata sull’esperienza del cliente come Starbucks, la continua interferenza con l’organizzazione dei lavoratori mina il marchio, che è essenziale per il suo successo”.

La proposta degli azionisti contiene anche riferimenti a specifici fatti. Il mese scorso è stato ordinato all’amministratore delegato ad interim di Starbucks, Howard Schultz, di leggere un avviso ai dipendenti in cui si comunicava che erano stati negati illegalmente benefici e aumenti salariali. Inoltre, il mese scorso un giudice ha ordinato all’azienda di reintegrare sette dipendenti di Memphis (Tenn.) che avrebbe licenziato per il loro sostegno a una campagna sindacale.

L’azienda ha sempre sostenuto che preferisce trattare con i propri dipendenti direttamente e non attraverso un sindacato, cosa che i dirigenti hanno ribadito in occasione dell’investor day della scorsa settimana, dove hanno anche dichiarato che avrebbero aumentato i benefit per i lavoratori nell’ambito di un piano più ampio di rinnovamento dei negozi.

Lunedì sera un portavoce di Starbucks ha dichiarato che l’azienda si confronta “abitualmente” con gli investitori quando vengono presentate delle proposte e “non vediamo l’ora di condividere i fatti relativi alla nostra azienda e ai nostri partner (i dipendenti) in questi incontri”. Ha ribadito la posizione dell’azienda che preferisce lavorare con i dipendenti “fianco a fianco piuttosto che al tavolo delle trattative”.

La vicenda della catena di caffè segue una proposta simile avanzata all’inizio del mese riguardante la Apple. Mentre i dipendenti dei suoi negozi al dettaglio iniziano a organizzarsi, anche il gigante tecnologico è stato accusato di pratiche sindacali scorrette, e la proposta di una valutazione indipendente del suo impegno nei confronti della libertà di associazione e dei diritti di contrattazione collettiva è stata avanzata anche dai fondi pensione della città di New York.

Leggi anche Usa: Allianz sotto inchiesta in usa per la gestione dei fondi pensione

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

GB: pagati risarcimenti per £1,5 miliardi per interruzione dell’attività in seguito a covid-19

La stima viene dalla Fca che ha analizzato gli effetti della sentenza emessa nel 2021 dalla Corte…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Pet insurance: il mercato previsto in forte crescita nei prossimi anni

La dimensione globale crescerà dagli attuali $8,1 a $32 miliardi entro il 2030 ad un tasso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: warning Eiopa su polizze CPI

I risarcimenti sono inferiori al 30% dei premi lordi pagati dai consumatori L’Eiopa ha…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.