EsteroIn EvidenzaNews

Canada: l’uragano Fiona causa danni agli assicuratori per $ 700 milioni

Limitati saranno comunque i risarcimenti delle compagnie perchè le polizze domestiche spesso non includono la protezione contro le inondazioni

I danni dell’uragano Fiona, che ha colpito nei giorni scorsi la costa orientale canadese dopo aver devastato Portorico, potrebbero raggiungere i 700 milioni di dollari ma limitati saranno i risarcimenti del settore assicurativo. Lo scrive The Globe and Mail sottolineando che le assicurazioni delle case in gran parte non includono i danni per le inondazioni costiere. E quindi a pagare il conto saranno direttamente i proprietari di case e i programmi di assistenza finanziaria del governo che si attivano in caso di calamità.

Il costo totale dei danni deve ancora essere determinato, ma le perdite stimate potrebbero variare da $ 300 milioni a $ 700 milioni di richieste di risarcimento assicurative, ha affermato Marcos Alvarez, capo dell’assicurazione di DBRS Morningstar. L’ampia forchetta di stime – ha aggiunto – dipende dall’incertezza su quanti assicurati domestici e aziendali hanno acquistato una protezione aggiuntiva per i danni causati dalle intemperie.

“Un uragano – ha spiegato Alvarez – non è un evento frequente per la costa orientale canadese, quindi dipende davvero da cosa copre ogni singola polizza assicurativa; diversi proprietari di case non avranno acquistato alcun tipo di copertura contro le inondazioni anche perché in genere non è qualcosa che viene fornito automaticamente in una polizza. E questo è un problema”.

I danni assicurati di Fiona dipenderanno anche dal numero di richieste di interruzione dell’attività – nonché dalla durata delle chiusure aziendali – presentate dalle imprese. “L’impatto della chiusura per un lungo periodo di tempo per alcune di queste società potrebbe essere maggiore di qualsiasi danno fisico subito e può finire per costare milioni di richieste di risarcimento”, ha affermato Alvarez.

La tempesta post-tropicale Fiona ha colpito la Nuova Scozia, il New Brunswick, l’Isola del Principe Edoardo, Terranova e le Isole Maddalena del Quebec, colpendo case e aziende con venti fortissimi, pericolose mareggiate oceaniche e forti piogge. Environment Canada ha affermato che la pressione centrale della tempesta è stata la più bassa mai registrata nella storia del Canada.

Leggi anche Uragano Fiona: perdite soprattutto per l’interruzione dell’attività

Articoli correlati
EsteroNews

Australia: assicurazioni sanitarie restituiscono ai clienti circa AUS $ 2,1 miliardi

Distribuita gran parte del surplus generato per la diminuzione dei sinistri da covid-19 Gli…
Leggi di più
EsteroNews

Gb: sistema sanitario nazionale a corto di personale e sotto pressione

Oltre 13mila pazienti anziani rimangono in ospedale anche se non ne hanno bisogno perché non ci…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Catastrofi naturali: nel 2022 danni per $260 miliardi

Pubblicati i dati preliminari di Sigma-Swiss Re Le perdite subite dagli assicuratori sono…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.