In EvidenzaNews

Net Insurance ancora in attesa dei 550mila euro dal finanziere Torzi

Il termine ultimo previsto dall’accordo transattivo per il versamento della somma era il 30 novembre

La compagnia è pronta a chiedere la dichiarazione di bancarotta ai sensi del diritto inglese di Gianluigi Torzi

Ancora guai per Gianluigi Torzi, il finanziere molisano diventato famoso per la sua mediazione nell’acquisto da parte del Vaticano di un prestigioso palazzo in Sloan Avenue a Londra, la cui gestione era poi finita nelle sue mani, intascando qualcosa come 15 milioni di euro.

Questa volta però la notizia riguarda i suoi rapporti con Net Insurance, che risalgono al caso di frode e sottrazione alla compagnia di circa 26 milioni di Btp scoperta nel 2019 e sulla quale era successivamente intervenuta l’Alta Corte di Londra.

La compagnia guidata dal manager veronese Andrea Battista ha infatti reso noto di non aver ancora ricevuto la somma di 550.000 euro che, secondo i termini dell’accordo transattivo sottoscritto a marzo, il finanziere avrebbe dovuto versare entro il 30 novembre scorso. Secondo quanto riferisce in una nota, Net Insurance valuterà come far valere le proprie ragioni creditorie nelle sedi opportune e, in particolare, la dichiarazione di bancarotta ai sensi del diritto inglese di Gianluigi Torzi. “Net Insurance ricorda, infine, che per le predette somme non sono state stimate sopravvenienze all’interno del “Piano Industriale 2022-2025” e le stesse non risultano, in alcun modo, iscritte in bilancio”.

Il versamento della somma stabilita avrebbe chiuso ogni controversia in essere presso la Corte di Londra, mantenendo invece intatti gli obblighi contrattuali derivanti dall’iniziale Recovery Agreement in capo alla società Sunset, pienamente riconducibile allo stesso Torzi. Qualora incassato tale ammontare, il complesso degli attivi recuperati sarà pari a 15,5 milioni.

a cura di Vincenzo Giudice

Leggi anche Poste Vita lancia opa su Net Insurance a 9,50 euro per azione

Articoli correlati
EsteroNews

USA: i grandi gruppi costituiscono compagnie captive per contenere i costi delle polizze D&O

Il Delaware modifica la propria legislazione per allargare l’operatività delle assicurazioni…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Tesla: botta e risposta tra Musk e gli assicuratori sui costi delle riparazioni

Secondo gli assicuratori sono troppo alti i costi delle parti di ricambio delle Tesla I…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: il rischio di greenwashing deriva soprattutto dalla complessità della normativa

Insurance Europe contraria ad un regolamento per prevenire gli effetti “di facciata” sulla…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.