EsteroIn EvidenzaNews

Rischio sistemico moderato (ma in crescita) per il settore assicurativo mondiale

Pubblicato il “Market report 2022” di Iais, l’associazione internazionale dei regulator assicurativi

Nel 2021 gli Usa sono rimasti il primo mercato assicurativo del pianeta, seguito dalla Cina – l’Italia al settimo posto della classifica mondiale

Il rischio sistemico nel settore assicurativo mondiale nel complesso rimane “moderato”. Tuttavia, c’è una tendenza al rialzo dei punteggi di rischio sistemico totale degli assicuratori, “in particolare guidata dall’aumento delle esposizioni ad attività illiquide e difficili da valutare, derivati over-the-counter, finanziamenti a breve termine e attività finanziarie”. Lo afferma lo Iais, l’associazione mondiale dei supervisor assicurativi che ha pubblicato il suo “Market report 2022”. Le conclusioni del rapporto vanno lette anche in relazione alla recente decisione de Financial Stability Board ( Leggi qui la notizia pubblicata ) di non continuare a pubblicare la lista degli assicuratori “a rischio sistemico” del pianeta affidandosi alle valutazioni dello Iais.

Il report dell’organismo internazionale delle autorità di vigilanza assicurative si basa sui dati raccolti da circa 60 dei maggiori gruppi assicurativi internazionali e aggrega i dati settoriali delle autorità di vigilanza di tutto il mondo, coprendo oltre il 90% dei premi raccolti a livello globale. “La nostra analisi conclude che il rischio sistemico nel settore assicurativo è moderato nel complesso e basso rispetto a quello del settore bancario – ha sottolineato Vicky Saporta, presidente del comitato esecutivo di Iais – tuttavia i punteggi di rischio sistemico totale degli assicuratori sono in aumento”.

La tendenza verso punteggi di rischio sistemico totale più elevati è determinata “dall’aumento delle esposizioni ad attività illiquide e difficili da valutare, derivati over-the-counter, finanziamenti a breve termine (in particolare operazioni di riacquisto) e attività intra-finanziarie (compresa la riassicurazione). Ciò contribuisce a potenziali vulnerabilità per il settore assicurativo, in particolare a fronte del rapido aumento dei tassi di interesse”.

Il rapporto di Iais include i dati sui premi raccolti dall’industria assicurativa mondiale relativi al 2021. L’anno passato gli Usa sono rimasti di gran lunga il mercato assicurativo più sviluppato al livello mondiale con una quota del 38,1 % dei premi lordi seguiti da Cina (11,7%) Gran Bretagna , Francia, Germania, Giappone e Italia. Il “bel paese” detiene una quota di circa il 2,4% nella raccolta assicurativa mondiale.

Nel complesso i premi lordi raccolti dagli assicuratori mondiali hanno raggiunto la rispettabile cifra di $7200 miliardi in aumento dell’8% sul 2020. Una dinamica più sostenuta rispetto a quella (+1,9%) che aveva caratterizzato l’anno precedente. Gli asset totali che fanno capo all’industria mondiale delle polizze hanno raggiunto i 44.000 miliardi di dollari (+4,9%) mentre le passività totali sono aumentate del 4,3%, raggiungendo i 38.000 miliardi di dollari. Nella regione Asia e Oceania, le passività (+6,5%) sono aumentate più delle attività (+4,3%).

Leggi anche La Federazione Mondiale degli assicuratori esorta il FSB a sostenere i sistemi di previdenza privata

Articoli correlati
EsteroNews

USA: i grandi gruppi costituiscono compagnie captive per contenere i costi delle polizze D&O

Il Delaware modifica la propria legislazione per allargare l’operatività delle assicurazioni…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Tesla: botta e risposta tra Musk e gli assicuratori sui costi delle riparazioni

Secondo gli assicuratori sono troppo alti i costi delle parti di ricambio delle Tesla I…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: il rischio di greenwashing deriva soprattutto dalla complessità della normativa

Insurance Europe contraria ad un regolamento per prevenire gli effetti “di facciata” sulla…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.