EsteroIn EvidenzaNews

Guerra Russia-Ucraina: da gennaio coperture riassicurative a rischio per navi e aerei

In corso i rinnovi dei trattati annuali con le compagnie dirette che potrebbero, a loro volta, escludere dalle coperture i rischi di guerra per navi e aerei

Gli assicuratori potrebbero rifiutarsi di coprire gli aerei che volano verso l’Ucraina o le navi che attraversano il Mar Nero, poiché i loro riassicuratori sono intenzionati ad escludere la regione dalle polizze a partire dal mese prossimo. Lo scrive Reuters citando quattro fonti del settore.

I riassicuratori stanno rinnovando in questi giorni i loro trattati annuali con le compagnie dirette ed hanno la prima opportunità di ridurre l’esposizione dall’inizio della guerra in Ucraina, dopo essere stati colpiti quest’anno da perdite legate al conflitto.

Le quattro fonti hanno riferito a Reuters che una clausola contrattuale proposta dai riassicuratori esclude le richieste di risarcimento legate alla guerra per aerei o navi in Ucraina, Bielorussia e Russia. Senza l’appoggio dei riassicuratori, gli stessi assicuratori potrebbero non essere disposti a fornire copertura alla regione, hanno aggiunto. I riassicuratori sono particolarmente preoccupati per la perdita di aerei di proprietà di società di leasing di aeromobili che sono bloccati in Russia e che hanno già generato 8 miliardi di dollari di richieste legali di risarcimento.

Poiché operano su una base aggregata per i rischi di guerra marittimi e aeronautici, sommando le perdite in un’unica soluzione, le richieste di risarcimento in un’area rendono i riassicuratori diffidenti nei confronti dell’intero settore dei rischi di guerra, ha dichiarato David Smith, responsabile delle assicurazioni marittime presso il broker McGill and Partners. “Non importa se si tratta di una nave o di un aereo, tutto viene trascinato nell’aggregazione”.

Circa il 90% del mercato dei rischi di guerra per la marina e l’aviazione è assicurato dai Lloyd’s e dal più ampio mercato assicurativo commerciale di Londra.

Sebbene siano ancora in corso trattative sui contratti del prossimo anno e sulla formulazione esatta della clausola, gli assicuratori temono il peggio. “È una linea piuttosto dura quella che abbiamo visto da parte del mercato riassicurativo”, ha dichiarato McGill di Ascot, che in questi giorni sta lavorando per fornire una copertura assicurativa ad una nave cargo per il corridoio di esportazione del grano dall’Ucraina.

I riassicuratori del settore aereo sono già alle prese con le richieste di risarcimento legate a due incidenti di Boeing 737 MAX avvenuti nel 2018 e nel 2019, mentre più di 400 aerei in leasing per un valore di circa 10 miliardi di dollari non hanno potuto lasciare la Russia dopo che le sanzioni occidentali hanno imposto la cessazione dei loro contratti di locazione.

Leggi anche Guerra e assicurazioni aeronautiche

Articoli correlati
EsteroNews

USA: i grandi gruppi costituiscono compagnie captive per contenere i costi delle polizze D&O

Il Delaware modifica la propria legislazione per allargare l’operatività delle assicurazioni…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Tesla: botta e risposta tra Musk e gli assicuratori sui costi delle riparazioni

Secondo gli assicuratori sono troppo alti i costi delle parti di ricambio delle Tesla I…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Europa: il rischio di greenwashing deriva soprattutto dalla complessità della normativa

Insurance Europe contraria ad un regolamento per prevenire gli effetti “di facciata” sulla…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.