EsteroIn EvidenzaNews

Consiglio UE: via libera a trattativa per direttiva sui fallimenti assicurativi

Ogni anno nell’Unione falliscono circa 10 compagnie

La nuova regolamentazione aiuterà a gestire i default transfrontalieri

Il Consiglio UE ha dato il via libera ad un mandato negoziale per giungere ad una direttiva sul risanamento e la risoluzione delle assicurazioni (Irrd) con l’obiettivo di rendere il settore assicurativo e riassicurativo più resiliente, migliorare la protezione degli assicurati in caso di fallimenti di compagnia. La posizione del Consiglio apre la strada all’avvio dei negoziati con il Parlamento europeo nel nuovo anno, in vista di un accordo sul testo definitivo. La nuova direttiva fornirà un quadro per i casi in cui il regime Solvency 2, la normativa prudenziale del settore, non impedisca il fallimento di un’assicurazione. Il regime, indica il Consiglio, «generalmente funziona bene», ma circa dieci assicuratori falliscono ogni anno, con un impatto significativo sugli assicurati. La direttiva sul risanamento e la risoluzione delle assicurazioni fornirà procedure di risoluzione armonizzate, facilitando la gestione dei fallimenti delle compagnie di assicurazione, soprattutto in un contesto transfrontaliero. Ad esempio lo scorso anno il fallimento della compagnia rumena City Insurance ebbe gravi ripercussioni anche in Italia, dove la compagnia copriva i rischi di diverse aziende sanitarie.

Attualmente non esistono procedure armonizzate a livello europeo per la risoluzione degli assicuratori, con differenze sostanziali tra gli stati membri che portano a livelli disomogenei di protezione per assicurati e beneficiari. La nuova direttiva introdurrebbe un regime a livello europeo per la risoluzione degli assicuratori, per fornire alle autorità nazionali strumenti e procedure di risoluzione simili per affrontare i fallimenti. La proposta richiederebbe agli stati membri di istituire autorità di risoluzione delle assicurazioni, garantire un’efficace cooperazione transfrontaliera e concedere all’Autorità europea delle assicurazioni e delle pensioni aziendali e professionali (Eiopa) un ruolo di coordinamento. Inoltre garantirebbe parità di condizioni tra gli stati membri e salvaguarderebbe gli interessi dei titolari di polizze; minimizzerebbe l’impatto sull’economia, sul sistema finanziario e su qualsiasi ricorso al denaro dei contribuenti, contribuendo alla stabilità finanziaria e alla fiducia nel mercato interno dell’assicurazione e della riassicurazione.

Il Consiglio è favorevole a introdurre un quadro europeo minimo armonizzato per il risanamento e la risoluzione delle imprese di assicurazione, a condizione che tale quadro sia «proporzionato, adeguato al settore assicurativo e contribuisca adeguatamente alla tutela dei contraenti e al mantenimento della stabilità finanziaria nel mercato unico dell’Unione europea». Per i governi “è importante stabilire norme comuni e allo stesso tempo lasciare sufficiente flessibilità alle autorità nazionali per tener conto delle specificità dei loro mercati assicurativi e affrontare le caratteristiche del singolo caso”. Sebbene le autorità nazionali debbano disporre di poteri sufficienti per affrontare in modo efficiente i fallimenti assicurativi, «è necessario mettere in atto salvaguardie per garantire un trattamento equo di tutte le parti interessate, come il principio secondo cui nessun creditore dovrebbe trovarsi in condizioni peggiori nella risoluzione rispetto ad una normale procedura d’insolvenza».

Leggi anche Europa: aumentata la vulnerabilità di banche e assicurazioni

Articoli correlati
EsteroNews

Cina: assicurazioni e banche puntano sul calcolo quantistico per combattere le frodi

I ricercatori hanno sviluppato un modello di rilevamento delle frodi basato sulla tecnologia della…
Leggi di più
EsteroNews

USA: dipartimento della Salute si propone di rimuovere l’obiezione morale all’aborto nei piani sanitari dei datori di lavoro

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) Usa ha annunciato che sta valutando di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Trend: sempre più asset private nell’industria assicurativa mondiale

Nell’ultimo anno secondo il WSJ i campioni del private equity hanno preso in gestione circa 80…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.