EsteroNews

GB: le banche rischiano nuova ondata di danni per le polizze PPI

La Corte Suprema sta decidendo se allargare la durata della prescrizione oltre i sei anni

Gli istituti di credito hanno già rimborsato ai clienti £38 miliardi per aver venduto male le polizze assicurative

Le banche britanniche potrebbero dover affrontare una nuova ondata di richieste di risarcimento per le polizze PPI , le protezioni sui crediti normalmente abbinate alla vendita di un mutuo. Ne riferisce City AM online a seguito di un’udienza della Corte Suprema del Regno Unito in cui quest’ultima si è riservata il diritto di decidere se estendere la portata della prescrizione oltre il canonico periodo di sei anni così da consentire a migliaia di altre denunce PPI di essere ascoltate nei tribunali del Regno Unito.

A milioni di britannici sono state mal vendute polizze PPI dopo aver contratto prestiti e carte di credito dai primi anni ’90 al 2010 con commissioni che spesso superavano il 50% del premio.

Gli assicurati che hanno presentato le loro richieste di risarcimento dei danni dopo più di sei anni dalla scadenza della loro polizza non sono stati finora presi in considerazione dai tribunali

Tuttavia, la Corte Suprema sta esaminando la possibilità di estendere la durata della prescrizione nel caso di correntisti che hanno continuato il rapporto con la banca dopo la fine della polizza PPI.

L’udienza della Corte Suprema arriva dopo che due ricorrenti, Karen Smith e Derek Burrell, hanno intentato causa contro la Royal Bank of Scotland (RBS) chiedendo un risarcimento per polizze PPI vendute male. I ricorrenti sostengono che i loro continui rapporti con RBS, dopo la fine delle loro polizze PPI, significa che le loro richieste dovrebbero essere prese in considerazione.

Smith ha stipulato il contratto con Direct Line dopo aver spuntato una casella sul modulo di richiesta di credito, accanto alle parole: “Ti consigliamo vivamente di sottoscrivere questa copertura. Per la copertura basta spuntare questa casella. I premi mensili sono stati successivamente addebitati sul conto della carta di credito di Smith, prima che lei rescindesse il contratto PPI nel marzo 2006. RBS ha ricevuto una commissione superiore al 50% su quei pagamenti PPI.”

Le banche del Regno Unito hanno già rimborsato più di 38 miliardi di sterline ai clienti a cui erano state vendute male le polizze assicurative, secondo i dati della Financial Conduct Authority (FCA).

Leggi anche GB: banche e assicurazioni rischiano perdite a causa dei gas serra

Articoli correlati
EsteroNews

Singapore: Allianz in trattative per acquisire una quota di Income Insurance e realizzare una partnership

Fondata nel 1970, Income Insurance offre assicurazioni sulla vita, sulla salute e generali, servendo…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Catastrofi naturali: il costo per gli assicuratori potrebbe raddoppiare in dieci anni

In un’intervista a Le Figaro il presidente di Swiss Re si scaglia contro la deglobalizzazione che…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Russia: Ingosstrakh rigetta le accuse e annuncia battaglie legali

La compagnia è stata sanzionata in GB per aver accordato protezioni assicurative illegali alle…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.