EsteroIn EvidenzaNews

Rating: Moody’s aggiorna metodologie per tener conto di Ifrs17 e dei nuovi standard Usa sui contratti vita a lunga scadenza

Moody’s Investors Service – riferisce Reinsurance News – ha aggiornato le proprie metodologie per il rating degli assicuratori e dei riassicuratori così da tener conto dell’introduzione del nuovo principio contabile internazionale sui contratti assicurativi Ifrs 17, in vigore da quest’anno, e delle nuove norme contabili Usa sulla valutazione dei contratti vita di lunga durata (LDTI), anch’esse in vigore da gennaio. Simili standard potrebbero influire in modo significativo sulla presentazione complessiva del bilancio e su alcuni aspetti che si riflettono nei punteggi di rating. Modifiche sono in particolare attese nelle poste contabili relative al patrimonio netto, alle passività assicurative, ai ricavi e all’utile netto. I principi contabili internazionali Ifrs hanno una generale applicazione nel mondo con l’eccezione degli Stati Uniti che adottano principi contabili locali (US Gaap). Pertanto, in relazione alla giurisdizione seguita dall’assicuratore, potrebbero esservi differenti presentazioni contabili.

Moody’s non prevede che l’applicazione dei nuovi principi contabili influisca direttamente sul rischio economico sottostante o sui flussi di cassa attesi delle attività in essere. Aggiunge che i nuovi principi non incidono direttamente sull’informativa finanziaria e sul patrimonio di vigilanza per la maggior parte delle giurisdizioni di regolamentazione.

Gli aggiustamenti qualitativi ai rating saranno importanti per alcune compagnie di assicurazione, a causa della limitata comparabilità con periodi contabili precedenti o con assicuratori che seguono principi contabili diversi. “Questi aggiustamenti rientrano nell’ambito del nostro approccio generale all’analisi dei riassicuratori, in cui possiamo aggiustare i punteggi dei fattori per riflettere la nostra prospettiva analitica del rischio di credito”.

“Nella nostra analisi possiamo prendere in considerazione metriche supplementari, comprese quelle calcolate o stimate dai bilanci. Per esempio, potremmo dare maggiore importanza alla leva finanziaria escludendo gli altri utili complessivi accumulati (AOCI) per valutare la flessibilità finanziaria e ai livelli di capitale regolamentare (per esempio, Solvency II) per valutare l’adeguatezza patrimoniale”.

Leggi anche Moody’s alza il rating ifs di Generali a A3 da BAA1

Articoli correlati
EsteroNews

Cina: assicurazioni e banche puntano sul calcolo quantistico per combattere le frodi

I ricercatori hanno sviluppato un modello di rilevamento delle frodi basato sulla tecnologia della…
Leggi di più
EsteroNews

USA: dipartimento della Salute si propone di rimuovere l’obiezione morale all’aborto nei piani sanitari dei datori di lavoro

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) Usa ha annunciato che sta valutando di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Trend: sempre più asset private nell’industria assicurativa mondiale

Nell’ultimo anno secondo il WSJ i campioni del private equity hanno preso in gestione circa 80…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.