EsteroIn EvidenzaNews

La riassicurazione globale fatica a tenere il passo della maggiore domanda di coperture danni

Secondo un report dl Goldman Sachs l’aumento dei sinistri catastrofali determinerà entro il 2040 una domanda aggiuntiva di premi assicurativi valutata tra i 149 e i 183 miliardi di dollari

L’attuale offerta di capitali nei mercati dell’assicurazione e della riassicurazione danni probabilmente faticherà a soddisfare l’aumento della domanda di copertura che probabilmente si svilupperà a causa dei cambiamenti climatici. È la previsione – scrive Reinsurance news – formulata dagli analisti di Goldman Sachs i quali, facendo riferimento ai dati di Swiss Re, stimano che l’aumento dei sinistri catastrofali potrebbe tradursi in 149-183 miliardi di dollari di nuovi premi danni globali entro il 2040.

In combinazione con lo sviluppo economico, gli analisti di Goldman Sachs hanno sottolineato che ciò triplicherebbe il mercato a cui si rivolgono gli assicuratori danni e in particolare i riassicuratori.

A sua volta, l’aumento della domanda non solo farebbe crescere i ricavi dei riassicuratori nei prossimi 20 anni, ma, secondo Goldman Sachs, farebbe aumentare anche i prezzi, dato che l’offerta attuale è probabilmente insufficiente.

Inoltre gli analisti ritengono che anche la crescita economica e l’urbanizzazione di fondo dovrebbero spingere la domanda, il che significa che il cambiamento climatico probabilmente offrirà una spinta sostanziale alla domanda di assicurazioni danni.

Gli estensori del report hanno riconosciuto che c’è stata incertezza sul fatto che i riassicuratori abbiano valutato in modo appropriato l’aumento del costo delle perdite dovute al clima, o che le compagnie si basino sulle tendenze storiche e non sulle probabili tendenze future.

Tuttavia, sulla base degli esiti dei rinnovi di gennaio, che hanno visto una riduzione della capacità e un’accelerazione dei tassi, Goldman Sachs ritiene che i riassicuratori stiano probabilmente valutando in modo più appropriato le tendenze climatiche.

“A nostro avviso, i riassicuratori hanno un ruolo cruciale da svolgere sia nell’attenuare i costi economici associati agli eventi legati al cambiamento climatico, sia nel prezzare i rischi e le esternalità associate al cambiamento climatico (che indirettamente) sono benefiche per l’ambiente, in quanto creano incentivi finanziari dell’economia reale per affrontare il cambiamento climatico”, ha scritto Goldman Sachs.

Leggi anche Catastrofi naturali: danni assicurativi per 120 miliardi nel 2022

Articoli correlati
EsteroNews

Francia: a rischio di inassicurabilità quanti abitano nelle zone più a rischio di catastrofi

I francesi delle aree più esposte al clima rischiano di non potersi più assicurare in caso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Clima: necessarie appropriate coperture assicurative per accelerare la transizione energetica

Il mercato assicurativo per le nuove infrastrutture energetiche raggiungerà i $10-15 miliardi entro…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Raccolta assicurativa globale: nel 2023 incremento mai così alto dal 2006

Pubblicato lo “Allianz Global Insurance report” da cui risulta che i premi sono stati pari a €…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.