EsteroNews

Australia: dati di milioni di cittadini trafugati con gli attacchi cyber

Secondo il Commissario per l’informazione colpiti tra 1 e 10 milioni di persone nel secondo semestre 2022

Tre violazioni di dati nella seconda metà dello scorso anno hanno compromesso le informazioni private di milioni di australiani, oltre agli enormi cyberattacchi all’assicuratore sanitario Medibank e alla compagnia telefonica Optus che hanno scatenato l’indignazione pubblica.

I dati – scrive The Age – vengono dall’Ufficio del Commissario australiano per l’informazione e mostrano che cinque violazioni hanno colpito tra 1 milione e 10 milioni di persone tra luglio e dicembre.

Il report non riporta i nomi delle entità violate né le dimensioni esatte degli incidenti, ma confermano un forte aumento dei principali attacchi informatici e delle violazioni della privacy. Il numero totale di incidenti segnalati al commissario è aumentato del 26% rispetto al periodo precedente, mentre il numero di violazioni che hanno interessato più di 5.000 australiani è salito del 67%, raggiungendo i 40 eventi.

Oltre a Medibank e Optus, MyDeal, filiale dei supermercati Woolworths, ha rivelato una violazione che ha colpito circa 2,2 milioni di persone nell’ottobre dello scorso anno. Il 70% delle violazioni è stato causato da attacchi criminali, mentre il resto è stato causato da problemi quali errori umani e difetti di sistema. I settori della sanità, della finanza, delle assicurazioni, dei servizi professionali e del reclutamento hanno registrato il maggior numero di violazioni.

Le violazioni dei dati devono essere segnalate all’ufficio del commissario quando un’azienda, un gruppo o un ente governativo perde il controllo di informazioni personali che potrebbero causare un danno grave a cui non si può porre immediatamente rimedio.

L’aumento del numero di incidenti divulgati potrebbe anche essere il prodotto di una maggiore consapevolezza che le violazioni devono essere segnalate.

Il governo federale ha aumentato le multe dopo le violazioni di Optus e Medibank dello scorso anno e sta valutando la possibilità di vietare il pagamento di riscatti o di richiederne la denuncia, per evitare che l’Australia diventi un ricettacolo di hacker. Il commissario Angelene Falk ha dichiarato che “è opportuno esplorare” queste proposte, ma non le ha approvate.

Leggi anche Negligenza dei dipendenti è la causa principale della perdita di dati

Articoli correlati
EsteroNews

Brasile: le alluvioni nel Rio Grande do Sul causano danni per $1,75 miliardi

La stima in un report di Aon che indica in circa 100milioni le perdite per gli assicuratori Le…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Francia: partnership strategica tra ABN Amro e BNP Paribas nelle polizze vita di fascia alta

La banca francese acquisirà la quota di ABN Amro in Neuflize vie, la partnership assicurativa…
Leggi di più
EsteroNews

Spagna: Saragozza impone l’assicurazione obbligatoria RC per i ciclisti

Il Consiglio comunale di Saragozza, in Spagna, ha annunciato di voler rendere obbligatoria…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.