In EvidenzaNews

EY Global Wealth Research Report: cresce la domanda di consulenza per fronteggiare l’incertezza del mercato

Il 57% dei risparmiatori italiani afferma che la gestione del patrimonio è diventata più complessa negli ultimi due anni; proteggere il capitale e gestire l’inflazione sono le priorità

In Italia, la propensione al rischio degli investitori della Gen X è superiore a quella dei millennial, che manifestano una maggiore propensione a cambiare fornitore o spostare attivamente denaro

Logo Ey

Secondo l’EY Global Wealth Research Report 2023, il 57% degli italiani (contro il 48% a livello europeo) ritiene che la gestione dei propri investimenti sia diventata più complessa negli ultimi due anni. In particolare, lo pensa il 72% degli investitori della Gen X (i nati tra il 1965 e il 1980), rispetto al 49% dei baby boomer (i nati tra il 1946 e il 1964) e al 39% dei millennial (i nati tra il 1981 e il 1996).

Il rapporto, che riporta i risultati delle interviste ad oltre 2.600 clienti di servizi di Wealth Management in tutto il mondo, inclusa l’Italia, rileva che nel nostro Paese la propensione a fare investimenti più rischiosi nonostante la volatilità dei mercati è maggiore (56%) tra gli investitori della Gen X, piuttosto che tra i baby boomer che si attestano al 22% e i millennial al 39%.

Gli obiettivi d’investimento rimangono in gran parte difensivi: il 38% degli intervistati vuole proteggere il patrimonio; il 35% vuole garantirsi un rendimento adeguato. Il 52% degli investitori italiani (contro il 62% a livello europeo) si sente preparato a raggiungere i propri obiettivi finanziari (il 64% dei baby boomer; 56% Gen X; 31% millennial).

Aumenta tra gli investitori italiani l’apertura a mantenere relazioni virtuali (video chat o e-mail) con il proprio consulente, soprattutto riguardo alla gestione del portafoglio (40%) e degli investimenti (37%).

In Italia – diversamente da quanto avviene a livello europeo – la relazione di persona resta quella preferita per tutte le attività. Il 44% dei potenziali clienti (il 56% di quelli appartenenti alla Gen X) preferisce essere contattato direttamente, principalmente tramite contatto telefonico o e-mail, mentre la consultazione autonoma tramite le piattaforme di advisory matching risulta importante soprattutto per i millennials (46%).

Giovanni Andrea Incarnato, EY Italy wealth & asset management sector leader, commenta in una nota: “A fronte di situazioni di mercato sempre più complesse, si presenta l’opportunità per gli operatori di rafforzare il proprio ruolo di guida degli investitori per il raggiungimento dei loro obiettivi di vita e finanziari. Considerata l’eterogeneità dei bisogni e delle preferenze di modello di servizio fra tutte le generazioni, la piena comprensione dei dogmi e dei valori dei clienti è passaggio fondamentale per incrementarne la soddisfazione e la fiducia, oltre che la percezione del valore generato”.

In particolare, dal report emerge che l’87% degli investitori italiani (contro il 79% a livello europeo) ha cambiato il proprio approccio all’investimento in risposta alla diminuzione del valore del proprio portafoglio. In un contesto di prolungata incertezza economica, infatti, la domanda di consulenza professionale che aiuti ad interpretare gli shock economici, di mercato e politici è aumentata per molti investitori. L’indagine EY ha rilevato che il 67% dei millennial italiani e l’82% dei boomer richiedono la revisione del proprio piano finanziario in risposta all’instabilità o all’incertezza politica. Il sondaggio ha inoltre rilevato che oltre il 42% degli intervistati italiani cerca regolarmente una consulenza finanziaria indipendente aggiuntiva in risposta alla volatilità del portafoglio.

Infine, cresce l’interesse degli investitori italiani verso nuovi player e i nuovi asset digitali, come FinTech (robo-advisor, neobank ecc.) e criptoassets. Se oggi le asset class tradizionali sono ancora quelle largamente scelte dagli investitori, si prevede, nell’arco dei prossimi 3 anni, un aumento della domanda in aree come FinTech (25% rispetto all’attuale 8%) e annuity provider (25% rispetto all’attuale 8%).

Leggi anche EY European Insurance cro survey 2022

Articoli correlati
EsteroNews

Francia: a rischio di inassicurabilità quanti abitano nelle zone più a rischio di catastrofi

I francesi delle aree più esposte al clima rischiano di non potersi più assicurare in caso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Clima: necessarie appropriate coperture assicurative per accelerare la transizione energetica

Il mercato assicurativo per le nuove infrastrutture energetiche raggiungerà i $10-15 miliardi entro…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Raccolta assicurativa globale: nel 2023 incremento mai così alto dal 2006

Pubblicato lo “Allianz Global Insurance report” da cui risulta che i premi sono stati pari a €…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.