In EvidenzaNews

Aon acquista la piemontese Gi&Bi Brokers

Aon mette a segno una nuova acquisizione sul mercato italiano, rilevando il 100% di Gi&Bi Brokers, società di brokeraggio con sede a Saluzzo (Cuneo) e specializzata nel segmento dell’agribusiness che comprende sia le aziende operanti nel settore agricolo, sia quelle impegnate nella fornitura di beni strumentali alle prime.

L’operazione, di cui non sono stati comunicati i dettagli finanziari, risponde alla strategia adottata da Aon sul mercato italiano, dove si punta all’aggregazione di società leader in settori e territori di riferimento. Gi&Bi Brokers ha chiuso il 2022 con ricavi di oltre 6 milioni di euro e opera sul mercato agribusiness da quasi 30 anni in un comparto che genera in Italia un volume di affari dell’intera filiera di quasi 130 miliardi di euro, occupando una posizione di leadership specializzato nella gestione dei rischi del settore. Offre coperture assicurative specifiche per colture cerealicole, frutticole, risicole, ortaggi industriali, vivai, colture ornamentali e sperimentali e assicura tra gli altri, attraverso apposite convenzioni, impianti antigrandine, serre e bestiame.

L’agribusiness è uno dei settori di eccellenza per l’Italia e il mercato assicurativo in quest’ambito presenta ampi margini di crescita, considerando il fatto che solo il 30% delle aziende è ad oggi assicurato”, ha commentato Marco Dubini Daccò, presidente esecutivo di Aon. “Sappiamo bene che nell’era del cambiamento climatico, con il sempre più frequente avvicendarsi di eventi meteo estremi, è quantomai importante per le aziende afferenti questo settore poter contare su protezioni assicurative mirate per mitigare i rischi atmosferici, garantire la disponibilità di risorse alimentari e salvaguardare l’incolumità delle comunità, della fauna e della flora, oltre naturalmente alla continuità del business ed Aon continuerà lo sviluppo di soluzioni sempre più efficaci in questo settore”.

Ezio Boretto, fondatore di Gi&Bi Brokers ha spiegato che “il mondo agricolo e il suo indotto sono soggetti a molteplici fattori di rischio, quali i cambiamenti climatici estremi, le malattie e i parassiti delle colture e del bestiame, i rischi legati alla qualità dell’ambiente e dell’acqua, le fluttuazioni dei prezzi delle commodities agricole, per citare solo i più importanti. In tale difficile contesto, poter fare affidamento ai mercati Assicurativi e della Riassicurazione mondiale, con l’appoggio di professionisti che hanno già affrontato situazioni analoghe, anche in altre parti del mondo, rappresenta per noi e la nostra clientela l’opportunità di essere all’altezza di ogni situazione”.

Foto in copertina: Marco Dubini Daccò, presidente esecutivo di Aon

Leggi anche Aon stringe partnership con la fintech Previon

Articoli correlati
EsteroNews

Giappone: i maggiori assicuratori danni preannunciano la vendita delle partecipazioni incrociate

Le partecipazioni sono state a lungo criticate dagli investitori come uso inefficiente del capitale…
Leggi di più
EsteroNews

Usa: State farm ha chiuso l’esercizio 2023 con una perdita di $6,3 miliardi

In profondo rosso l’andamento tecnico con perdite record da sottoscrizione per $14,1…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: in forte aumento mercato delle rendite

Le rendite più popolari vendute lo scorso anno erano quelle pluriennali garantite, note come MYGA…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.