News

CNA: Il 63% deve ricorrere a cure private, ma solo il 7,4% possiede un’assicurazione sanitaria

Il 63% dei pensionati soffre di almeno una malattia cronica, o non è autosufficiente, con punte dell’82,9% al Sud. E per fare fronte a esami e screening, solo nell’ultimo anno, il 67,9% si è rivolto a strutture di cura private attingendo al proprio portafoglio per pagare le spese, con picchi dell’81,4% nel Lazio e del 75,6% in Liguria. Tuttavia, solo il 7,4% possiede un’assicurazione sanitaria integrativa. È quanto emerge dall’indagine dell’Osservatorio permanente sulla Silver economy di Cna Pensionati condotta su un campione 3.600 associati e realizzata dal Centro Studi Tagliacarne, presentata oggi a Roma nel corso dell’assemblea dell’associazione.

Solo 1 pensionato su 3 non ha problemi a pagare cure private

Secondo la ricerca, quasi un pensionato su due ha speso meno di mille euro per curarsi in strutture private. Mentre il 13,9% ha pagato tra mille e tremila euro e il 5% più di tremila euro. Tuttavia, solo per un terzo degli intervistati la spesa non è stata un problema perché dispone di un reddito adeguato, mentre il 29,2% ha fatto ricorso ai risparmi, il 4,5% è stato aiutato da parenti e amici e l’1,2% si è indebitato o ha venduto beni.

Trovare la struttura sanitaria più a portata di mano non è sempre facile

Soltanto il 54,8% degli intervistati sa dove si trova la struttura di assistenza più vicina, ma il 27,3% non può raggiungerla a piedi e necessita di un accompagnatore, con punte in Piemonte e in Sicilia (29%) e nell’hinterland delle grandi città (42,1%). Anche le case di comunità, così come altri nuovi modelli di assistenza territoriale, sono sconosciute ai più: il 62,7% degli intervistati non ne ha mai sentito parlare o non ha capito come funzionano. Una quota, quest’ultima, che sale al 74,3% in Veneto, al 72,9% in Umbria, al 71,2% nelle Marche, ed è generalmente elevata tra le donne (67,4%).

Il 65% vorrebbe farsi curare in casa

La cura a domicilio è senza dubbio tra le tipologie di assistenza potenzialmente più gettonate. Quasi la metà dei pensionati (48,9%) preferirebbe infatti essere curato a casa con un’assistenza programmata con medici e infermieri, e il 16,2% sempre a casa, ma avendo a disposizione un rifermento telefonico in caso di bisogno. Queste aspettative presuppongono, però, un sistema di assistenza territoriale adeguato, che sembra davvero ancora lontano.

Leggi anche La cassazione dice si al risarcimento delle cure mediche in strutture private nei sinistri stradali

Articoli correlati
EsteroIn EvidenzaNews

Usa: la “shadow industry” dei BPM sta facendo lievitare i costi della sanità

Un’inchiesta del NYT rivela che i gestori dei benefici farmaceutici invece di ridurre i costi per…
Leggi di più
EsteroNews

GB: Prudential avvia buyback da $2 miliardi

Il Ceo Anil Wadhwani: “Continueremo a dare priorità agli investimenti in nuove attività…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Clima: necessaria copertura aggiuntiva per oltre metà dei $19mila mld già impegnati per la transizione energetica

Secondo uno studio di Howden-BCG premi assicurativi per protezione nat cat raggiungeranno i 200-250…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.