EsteroIn EvidenzaNews

Sostenibilità: deboli gli standard dei Lloyd’s

Gli standard ambientali, sociali e di governance dei Lloyd’s sono deboli e i suoi membri sono esposti a progetti di combustibili fossili e armi. È il lapidario giudizio espresso dall’organizzazione no-profit ShareAction in un report dedicato al rapporto dell’industria assicurativa globale con i temi della sostenibilità.

I Lloyd’s – riferisce Reuters – si sono piazzati terzultimi in una classifica di 29 assicuratori Danni globali in termini di sottoscrizione responsabile e performance degli investimenti. In un conteggio separato sugli standard di sottoscrizione di 13 grandi membri partecipanti al mercato londinese, sei hanno ottenuto il voto più basso.

Gli assicuratori sono stati giudicati attraverso 30 parametri. Ad esempio in relazione ai loro impegni su obiettivi net-zero, limitazioni nella sottoscrizione di rischi da aziende di petrolio e gas o esclusione di investimenti in armi e tabacco. Nessuno dei 65 assicuratori intervistati da ShareAction ha ottenuto il massimo grado A.

“Il settore assicurativo sta mostrando performance meno buone in termini di finanza responsabile rispetto all’industria europea dell’asset management e bancaria”, ha detto a Reuters Claudia Gray, responsabile della ricerca sul settore finanziario di ShareAction.

La compagnia francese AXA è in testa alla classifica del ramo Danni, mentre la giapponese Sony Financial Group è all’ultimo posto. La francese CNP Assurances è in testa alla classifica Vita e Salute, mentre la società statunitense Protective Life Insurance è arrivata ultima. Venendo all’unica assicurazione italiana presa in considerazione, il gruppo Generali, si è classificata all’ottavo posto nella classifica degli assicuratori Danni e non compare nella classifica dei rami Vita, dove pure realizza oltre il 60% della sua raccolta premi. Stranezze di ShareAction.

Leggi anche Lloyd’s non pagherà i danni da attacchi cyber associati ad atti di guerra

Articoli correlati
EsteroNews

Francia: a rischio di inassicurabilità quanti abitano nelle zone più a rischio di catastrofi

I francesi delle aree più esposte al clima rischiano di non potersi più assicurare in caso di…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Clima: necessarie appropriate coperture assicurative per accelerare la transizione energetica

Il mercato assicurativo per le nuove infrastrutture energetiche raggiungerà i $10-15 miliardi entro…
Leggi di più
EsteroIn EvidenzaNews

Raccolta assicurativa globale: nel 2023 incremento mai così alto dal 2006

Pubblicato lo “Allianz Global Insurance report” da cui risulta che i premi sono stati pari a €…
Leggi di più
Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato sulle ultime novità, sugli eventi e sulle iniziative Intermedia Channel.